Archivi tag: black box

UNLOADING OF THE NORMAN ATLANTIC – SBARCO DEI MEZZI

interno NA

Approaching the anniversary of ONE YEAR FROM FIRE OF NORMAN ATLANTIC, exploded Dec. 28, 2014, took place on Oct. 21, 2015 in Bari the meeting at the offices of the Harbour – just across the helpless wreck still moored in port, set by experts appointed by the examining magistrate within of recording evidence in course, in order to plan operations of “UNLOADING” the ship. Present for  our team the lawyer Domenico Chirulli and our consultant, Ing. Antonio Scamardella. The meeting served to illustrate and develop – finally! – the landing plan of the vehicles on board the wreck, an operation that will be implemented by a company specifically empowered by the judge as likely from next month. The only company to participate in the bidding won the job, and operations costs will fall on the Italian citizens, given the lack of agreement between Anek and Visemar in sharing the costs of recovery of vehicles and emptying the ship.

First will be drafted a security plan to protect the safety of those who will have to physically go to empty the bridges, even those completely burned and partially collapsed on one another, and take stock of all that therein is loaded and cluttered. The operations will be conducted in the presence of the forensic team who will ensure findings of the case and the possible – but highly likely – recovery of human remains, in addition to report in some areas (eg DGE room, safety room and bridge, trigger area fire, etc.) of specific evidence that can be used in criminal proceedings.

These operations will require several months for the deducible complexity of operations, made particularly complex in the bridges completely devastated by fire. Clearly it is not possible to know right now how many and which will be cars and trucks that, while not drawn and destroyed by fire, are still considered recoverable with normal functioning; In fact, both the exposure to high temperatures to intense smoke, may have irreparably damaged the electrical and electronic elements of the vehicles, as well as rendered useless all that was contained in a container transported by trucks or inside the car, such as bags, suitcases and personal effects of the passengers, which in some cases were even moving from country to country, bringing with them all their possessions. In addition, the prolonged stay of the vehicles in the inside decks, closed for months as in an oven under the Apulia sun, has actually contributed to the deterioration of everything – on the occasion of our visit on board – we got to see: from the bridge three up on the outside deck it’s all pretty much rusted and macerated.

As for the profile of the compensation for the value of vehicles, trucks and loads, this stage of unloading will be crucial, because Anek, Visemar and their insurers, said that – for them – at the moment all the vehicles that are not destroyed are virtually recoverable, and so you can not evaluate a claim for damages until they could examine their state of conservation. No mention about the year passed by with these vehicles and goods have been closed in the belly of their ship, and that the holders thereof have not been able to legitimately to use it, but we believe that this should be a further, and in some cases as for the goods transports with heavy vehicles – also of considerable economic importance.

Will continue, however, to Pisa on 6 November operations analysis give yourself retrieved from the VDR black box. This part of activities will be instrumental in the reconstruction of both the cause of the fire either of individual responsibilities of the suspects at various stages of the incident, including ship owners!

Of particular interest to us is – besides of course the causes and responsibilities for the development of the fire – the reconstruction of emergency management, and particularly the reasons for the choice of the Italian rescue ships and tug boats, a choice that has compounded the timing and conditions of the passengers, remained for days waiting to be rescued.


150507710-118e363f-b239-433d-a977-4a35de312779Avvicinandoci alla ricorrenza di UN ANNO DALL’INCENDIO DEL NORMAN ATLANTIC, esploso il 28 dicembre 2014, si è svolta il 21 ottobre 2015 a Bari la riunione presso gli Uffici della Capitaneria di Porto – proprio di fronte al relitto ancora ormeggiato inerme in porto, fissata dai periti nominati dal GIP in ambito dell’incidente probatorio in corso, al fine di programmare le operazioni di “smassamento” della nave.

Presenti per il ns. team l’Avv. Domenico Chirulli e il nostro consulente, Ing. Antonio Scamardella. La riunione è servita per illustrare e mettere a punto – finalmente! – il piano di sbarco degli automezzi a bordo del relitto, operazione che sarà attuata da una ditta appositamente incaricata dal Giudice a partire verosimilmente dal prossimo meseL’unica ditta a partecipare alla gara si è aggiudicata la gara, ed i costi delle operazioni ricadranno sui cittadini italiani, stante il mancato accordo tra Anek e Visemar nella ripartizione delle spese di recupero e svuotamento.

Prima dovrà essere redatto un piano di sicurezza per preservare l’incolumità fisica di chi materialmente dovrà procedere a vuotare i ponti, anche quelli completamente bruciati e parzialmente collassati uno sull’altro, e inventariare tutto ciò che ivi è stato caricato e stipato.

Le operazioni saranno svolte alla presenza della Polizia Scientifica che provvederà ai rilievi del caso ed all’eventuale – ma altamente probabile – recupero di resti umani, oltre alla repertazione in alcune aree (es stanza DGE, safety room e ponte di comando, area di innesco dell’incendio, etc.) di specifici elementi di prova utilizzabili nel processo penale.

Queste operazioni richiederanno diversi mesi, per le intuibili complessità delle operazioni, rese particolarmente complesse nei ponti completamente devastati dall’incendio. Chiaramente non è possibile sapere sin d’ora quali e quante saranno le autovetture ed i mezzi pesanti che, pur non attinti e distrutti dal fuoco, siano tuttora considerati recuperabili con normale funzionalità; infatti sia la esposizione ad alte temperature che al fumo intenso, potrebbe aver danneggiato irreparabilmente l’impianto elettrico e gli elementi elettronici dei veicoli, oltre che reso inservibile tutto ciò che era contenuto nei container trasportati dai TIR od all’interno delle auto, come borse, valige ed effetti personali dei passeggeri, i quali in alcuni casi si stavano addirittura trasferendo da un paese all’altro, portando quindi con se tutti i loro beni. Inoltre la prolungata permanenza dei mezzi nei ponti chiusi per mesi come in un forno sotto il sole pugliese ha di fatto contribuito a deteriorare tutto quello che – in occasione del ns sopralluogo a bordo – siamo riusciti a vedere: dal ponte tre fino su al ponte esterno è tutto praticamente arrugginito e macerato.

Per quanto al profilo del risarcimento del valore dei veicoli, dei TIR e del loro carico, la fase di smassamento sarà determinante, poiché Anek, Visemar e i loro assicuratori, hanno dichiarato che – per loro – tutti i mezzi che non risultano distrutti sono virtualmente recuperabili, e quindi non si può valutare un risarcimento del danno finché non si potrà esaminare le loro condizioni di conservazione. Sul fatto che per un anno quei mezzi siano stati chiusi nella pancia della loro nave, e che i titolari degli stessi non ne abbiano potuto fare legittimamente uso nessun accenno, ma noi riteniamo che questa debba essere una ulteriore, ed in alcuni casi come per i trasporti merce con veicoli pesanti – anche di considerevole peso economico.

Proseguiranno, invece, a Pisa il 6 novembre prossimo le operazioni di analisi dei datti recuperati dal VDR. Questa parte di attività sarà determinante nella ricostruzione sia della cause dell’incendio sia delle responsabilità individuali degli indagati nelle varie fasi dell’incidente, armatori compresi!

Di particolare interesse per noi è – oltre ovviamente alle cause e responsabilità per lo sviluppo dell’incendio – la ricostruzione della gestione dell’emergenza, e soprattutto delle ragioni della scelta dei soccorritori italiani, scelta che ha aggravato i tempi e le condizioni dei passeggeri, rimasti per giorni in  attesa di essere tratti in salvo.

Annunci

Norman Atlantic: recovered by the experts the audio from black box – RECUPERATO DAI PERITI L’AUDIO DALLA SCATOLA NERA

Nel fermo immagine di un video della Guardia Costiera le operazioni di soccorso alla Norman Atlantic, 28 dicembre 2014. ANSA/GUARDIA COSTIERA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++After a long summer stop, some good news coming from the criminal investigations in course in Bari to ascertain the cause of the fire of the Norman Atlantic and identifying any possible responsible for what happened that tragic night.

Thanks to the valuable work of the Judge’s experts on the black box that was found in the dashboard very damaged by the fire,  rumors confirms that it was finally possible to retrieve the audio files that firtly appeared not recorded or lost!

Quite clear the importance of being able to listen to the voices of the Captain and of the crew to reconstruct what happened on the main bridge in the hectic period during the emergency’s phase. We are confident that these data – miracolously recovered – will help to let emerge the truth of what really happened, allowing justice to identify and punish all the possible responsibles, also at a corporate level. We think also that the extraction of the black box data will be useful to understand or at least to explain not only the origin but also the spread of the fire, which also drew the Safety Room of the dashboard.

With this brilliant operation the experts really contributed to the investigations, which we belive it will now dramaticaly accelerate and will soon end with the committal for trial of all the responsibles. And it is not difficult to guess that the audio files will carry out sensational developments. Our goal is not only to assist the passengers of the Norman Atlantic but the most extraordinary and ambitious step that we aim is being able – at the end of the trial – to improve safety of navigation trying to economically punish shipping companies to induce them to equip themselves with modern and functional security systems, instead of saving money on safety measures and crews.

Soon we will update about other possible development on investigation phase, that has recently being extended for six more months, and the possible disembark of the vehicles still onborad of the Norman Atlantic ship, docked in Bari.

__________

Nel fermo immagine di un video della Guardia Costiera le operazioni di soccorso alla Norman Atlantic, 28 dicembre 2014. ANSA/GUARDIA COSTIERA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Finalmente, dopo il lungo stop estivo, una svolta nelle indagini peritali in corso a Bari  per accertare le cause dell’incendio del Norman Atlantic e individuare i responsabili di quanto accaduto quella tragica notte. Grazie al prezioso lavoro dei periti sulla scatola nera recuperata della plancia di comando  con l’involucro esterno fuso, é stato miracolosamente possibile recuperare i file audio che parevano in una prima fase non registrati o perduti!

Di tutta evidenza l’importanza di poter ascoltare le voci del Comandante  e dell’equipaggio per ricostruire quanto accaduto in plancia nelle concitate fasi dell’emergenza. Siamo certi che questi dati finalmente ed insperabilmente recuperati faranno emergere la verità, consentendo alla giustizia di individuare e punire tutti responsabili anche eventualmente a livello societario.

Pensiamo, inoltre, che l’estrazione dei dati della scatola nera sarà utile anche per capire o meglio per spiegare non solo l’origine  ma anche la diffusione dell’incendio, che ha attinto anche la Safety Room della plancia di comando. Con questa brillante operazione i periti hanno senza dubbio dato un grosso impulso all’attività investigativa, che ci auguriamo quanto prima possa chiudersi con il rinvio a giudizio di tutti i responsabili. E non è difficile ipotizzare che grazie ai file audio ci saranno a breve svolte clamorose. Il nostro obiettivo è tutelare le persone che assistiamo che erano a bordo del Norman Atlantic ma il risultato più straordinario e ambizioso che ci prefiggiamo è quello di riuscire – attraverso il processo – a migliorare il sistema della sicurezza della navigazione cercando di fare punire economicamente le compagnie di navigazione per indurle a dotarsi di sistemi di sicurezza moderni e funzionali invece che risparmiare su mezzi ed equipaggi .

Presto contiamo di fornire nuovi aggiornamenti sulla fase delle indagini, che è stata recentemente prorogata di sei mesi, e sul possibile sbarco dei veicoli ancora a bordo della nave Norman Atlantic, ormeggiata nel porto di Bari.

In corso le operazioni di lettura del VDR, la scatola nera del Norman Atlantic. The #NormanAtlantic VDR data extraction

2015/01/img_6644.jpgI consulenti della Procura di Bari insieme con i tecnici delle parti hanno aperto il VDR (Voyage Data Record, la cosiddetta scatola nera) ed hanno avviato le procedure di estrazione dei dati che forniranno la traccia totale sia dei dati di navigazione della nave, che sopratutto degli allarmi di bordo, situazione dello scafo e del motore e inoltre tutte le conversazioni che avvengono sul ponte di comando e quelle via radio dal mezzo verso l’esterno, fondamentale per ricostrurire le dinamiche dell’incidente e il comportamento dell’equipaggio nell’osservanza delle procedure e delle comunicazioni previste e codificate nei casi di emergenza. Nel caso Concordia il VDR è stato lo strumento principale attraverso il quali si è dimostrato il grave ritardo nel lanciare la emergenza generale, che anche in questo caso è oggetto di addebito al comandante del Norman Atlantic e di valutazione dell’inquirente.

2015/01/img_6645.jpg

The consultants of the Prosecutor of Bari together with technicians of the parties have opened the VDR (Voyage Data Record, the so-called black box) and have begun the process of extracting data that will provide track of all data navigation of the ship, mainly alarm signals onboard, the situation of the hull and the engine, and also all the conversations that take place on the main bridge and the radio from inside to outside of the ship, crucial to trace the dynamics of the accident and the behavior of the crew in the observance of procedures and communications required and codified in emergencies. In the Concordia case the VDR has been the main instrument through which it was proved the significant delay in launching the general emergency, which also in this case is being charged to the commander of the Norman Atlantic and under evaluation of the investigators.