Archivi tag: bari

Cassazione: Sbagliato il dissequestro del Norman Atlantic

The wreck of the Norman Atlantic was not to be released, says the Supreme Court, which ruled on the appeal brought by the PM of Bari, canceling without delay the decision, of last April, from the GIP dott. Francesco Agnino which accepted the request for release from seizure by the shipowner, just a few days before the opening of the preliminary hearing.
An inappropriate, untimely and highly questionable decision, as indeed we had challenged the GUP in the courtroom, which rejected also our request (and the PM’s) to maintain the seizure prudentially on the ship, in order to allow further verifications through the experts during the trial process .

The annulment from the Supreme Court, now, leaves a gap hardly recoverable, given that since July the shipowners have hastily moved the wreck from the port of Bari to be scrapped at a construction site in Turkey.


Il relitto della Norman Atlantic non andava dissequestrato, lo dice la suprema Corte di Cassazione che si è pronunciata sul ricorso proposto dai PM di Bari, annullando senza rinvio il provvedimento con il quale, nell’aprile scorso, il GIP dott. Francesco Agnino aveva accolto la istanza di dissequestro dell’armatore, ad appena pochi giorni dall’apertura dell’udienza preliminare.
Una decisione inopportuna, intempestiva e fortemente discutibile, come in effetti avevamo contestato al GUP in aula, che ha rigettato la nostra richiesta (e del PM) di mantenere il vincolo prudenzialmente sulla nave, al fine di consentire ulteriori verifiche attraverso i periti durante il processo dibattimentale.

L’annullamento della Cassazione, adesso, lascia un vuoto difficilmente recuperabile, visto che da luglio gli armatori hanno in fretta e furia spostato il relitto dal porto di Bari per essere rottamato in un cantiere in Turchia.

NORMAN ATLANTIC’s PRELIMINARY HEARING: all the suspects have been indicted, the trial begins in February

PRELIMINARY HEARING SET TO TRIAL ALL THE INDICTED – NEXT HEARINGs FROM FEBRUARY 26th

Dear Clients, after a long and very intense session of hearings starting from last Monday, we obtained yesterday a first but fundamental progress in the criminal procedure towards the trial stage, as a result of the preliminary hearing, with the indictment of everyone, without any exception, of the 20 suspects and 2 companies.

A very important first certification on the seriousness of the criminal conducts not only from a considerable part of the crew which, having not only a moral but also a legal obligation, has abandoned the ship and the passengers to their fate, but also and above all on the shipping companies that have knowingly accepted a risk by allowing the continuous loading of refrigerated trucks to a greater extent than the capacity of the ship. For this reason, the aggravating circumstance of gross negligens / conscious guilt was criticized but confirmed for all the indicted, and our request for punitive damages and a multimillionnaire compensation will serve to rebalance the system, among those who, for years, have earned by accepting the risk of an accident just to continue to run the ship and the cash register, and those who paid a ticket and found themselves in a hell of a fire on a ship in flames adrift in the stormy sea.

For the defendants and the vast group of lawyers who did not want us in the courtroom among the trial parties, we are very sorry, but the judge rejected all the formal and substantial exceptions raised against our request for the establishment of a civil party; they will find us again, ready to battle, in the courtroom at the criminal trial, starting on February 26th 2020.

A particularly important activity for our team, was completed at this stage in the time elapsed since last May’s hearing to this last session, namely the call of the companies as a civil liability for the payment of damages, and, as you know, in the past months we have carried out the notifications of all the documents in Italy and in Greece, with great expenditure of effort and energy for the necessary accuracy of the formalities, which have passed positively the analysis of the judge and exceeded all the exceptions of the defendants. We have now 3 companies in the Visemar Group and Anek Ae (and P&I is monitoring the trial with his lawyers as insurer) as subjects called to cover for our damages requests.

Furthermore we have formally transferred the compensation action from the civil trial to the criminal one, making the civil procedure declared to be extinguished, started, as you know, to avoid the possible disqualifications and 2 years prescriptions terms provided for by the reg. Ce 392. We are definitively the leading group among the civil parties, representing and determining practically all the main procedural choices on behalf of the passengers, as in the case of the call of the civil managers performed personally and only by our team, and merely accepted by all the other civil parties.

The next phase of the trial will begin on 26 February 2020, and many other intense commitments await us before that date, in order to indicate the witnesses and the consulants requests in favor of our clients, but the prospects are definitely positive in our favor, as all the accusations have already been preliminarily confirmed, and the court of Bari has again dedicated to our trial the Bitonto bunker courtroom, in order to allow a tight schedule and therefore times predictably acceptable for the hearings and the first degree sentence.

We can certainly say that we finally reached a turning point in the criminal trial and that our requests for punitive damages are received by the media and by jurisprudence with great and growing interest, which increases the concern of shipowners and insurers, also in consideration of the non-application of the Reg. Ce 392/2009 maximum compensation limits in maritime accidents, in case of verification of the criminal responsabilities and liability of the shipowners themselves and our multimillionaire request for compensation.

We are very satisfied with the results and the prospects, asking you once again to stand firm in the trust in our team’s work and the claims for judicial compensation, considering the importance of our role as civil parties on ascertaining the truth and the very serious criminal responsibilities in the disaster also for the shipping companies and owners.

The insurers’ proposals so far negotiated to close positions with a transaction, have been almost offensive in their limited dimension, strong from a dominant position, having on their side the uncertainty over the indictments and the timing of the trial in the race towards the prescription of crimes ; this deadlock in the criminal trial is finally over with the closing of the preliminary hearing and indictment of all the suspects, and therefore now that we proceed quickly to the trial phase, the prospects for a full assessment of the very serious faults of the defendants, and a fair and exemplary compensation for damage in favor of all passengers and victims, is very predictable and yet achievable with the first degree sentence.

It is important to say that the February 26 hearing will be the last chance for those on board the Atlantic norman to act as a civil party in the criminal trial, and this choice firmly supported by our legal team from the beginning, and now suggested by more greek law firms and even the Greek Pubblic prosecutor’s office, is rewarding our clients that has always firmly believed that the criminal trial is the natural set for your rights and the best way to get a fair compensation that is not only related to the damage proof, which in the case of post-traumatic stress and psychological harm without physical injury is very difficult for the victims, but also and above all appropriate to the seriousness of the criminal faults of the defendants: the greater the serious guilt and the higher the compensation must be! for this reason we requested in the criminal trial a sum of about one million euros per passenger for biological and existential damage, patrimonial damage and punitive damages.

Before next February, therefore, it will be our duty and pleasure to update you through a newsletter addressed to each customer on what are the necessary information to be acquired, willingness to be indicated as witnesses to be heard in the process and to collect the documents to be acquired among the trial papers

 The “Giustizia per Norman Atlantic” legal team


UDIENZA PRELIMINARE NORMAN ATLANTIC: tutti gli indagati sono stati rinviati a giudizio, si inizia a febbraio con la fase dibattimentale

Cari clienti, dopo una lunga e intensa sessione di udienze a partire da lunedì scorso, abbiamo ottenuto ieri un primo ma fondamentale successo nella procedura penale verso la fase bibattimentale del processo, a seguito dell a chiusura dell’udienza preliminare, con il rinvio a giudizio di tutti, senza alcun eccezione, i 20 indagati e 2 società.

Una prima fondamentale certificazione sulla gravità delle condotte criminali posta in essere non solo da una parte considerevole dell’equipaggio che, avendo non solo un obbligo morale ma anche legale di assistenza, ha abbandonato la nave e i passeggeri al loro destino, ma anche e soprattutto sulle compagnie di navigazione che hanno consapevolmente accettato un rischio consentendo il carico continuo di camion Frigoriferi in misura maggiore della capacità della nave. Per questo motivo, la circostanza aggravante di colpa cosciente è stata criticata ma confermata per tutti gli incriminati, e la nostra richiesta di danni punitivi e un risarcimento multimilionario serviranno a riequilibrare il sistema, tra coloro che, per anni, hanno guadagnato accettando il rischio di un incidente solo per continuare a far girare senza sosta la nave e il registratore di cassa, e quelli che hanno pagato un biglietto e si sono trovati in un inferno di fuoco, su una nave in fiamme alla deriva nel mare in tempesta.

Siamo molto dispiaciuti per gli imputati e il vasto gruppo di avvocati che non ci volevano nell’aula di tribunale tra le parti processuali, ma il giudice ha respinto tutte le eccezioni formali e sostanziali sollevate contro la nostra richiesta di istituzione di coastituzione come parti civili; ci troveranno di nuovo, pronti a combattere, nell’aula del processo penale, a partire dal 26 febbraio 2020.

Un’attività particolarmente importante per il nostro team, è stata completata in questa fase nel tempo trascorso dall’udienza dello scorso maggio a quest’ultima sessione, vale a dire la chiamata delle società come responsabilità civile per il risarcimento dei danni e, come sapete, nel nei mesi scorsi abbiamo effettuato le notifiche di tutti i documenti in Italia e in Grecia, con grande dispendio di impegno e mezzi per la necessaria accuratezza delle formalità, che hanno superato positivamente l’analisi del giudice e superato tutte le eccezioni dei difensori degli imputati. Abbiamo ora 3 società nel gruppo Visemar e Anek Ae (con P&I che sta monitorando il processo con i suoi avvocati come assicuratore) come soggetti chiamati a coprire le richieste di risarcimento danni.

Inoltre, abbiamo formalmente trasferito l’azione di risarcimento dal processo civile a quello penale, chiudendo la procedura civile che è stata dichiarata estinta,  e che avevamo avviata, come sapete, per evitare ogni possibile pregiudizio e i termini di prescrizione di 2 anni previsti dal reg. Ce 392. Siamo senza dubbio il gruppo leader tra i difensori delle parti civili, rappresentando e determinando le principali scelte procedurali per conto dei passeggeri, come nel caso della chiamata dei responsabili civili eseguita personalmente solo dal nostro team e semplicemente accettato da tutte le altre parti civili che ne hanno chiesto l’estensione a loro favore.

La prossima fase del processo inizierà il 26 febbraio 2020 e molti altri intensi impegni ci attendono prima di tale data, al fine di indicare le richieste dei testimoni e dei consulenti a favore dei nostri clienti, ma le prospettive sono decisamente positive a nostro favore, poiché tutte le accuse sono già state preliminarmente confermate, e il tribunale di Bari ha nuovamente dedicato al nostro processo l’aula del bunker di Bitonto, al fine di consentire un calendario serrato e quindi tempi prevedibilmente accettabili per le udienze e la sentenza di primo grado.

Possiamo certamente affermare che abbiamo finalmente raggiunto un punto di svolta nel processo penale e che le nostre richieste di risarcimento danni punitivi sono ricevute dai media e dalla giurisprudenza con grande e crescente interesse, il che aumenta la preoccupazione degli armatori e degli assicuratori, anche in considerazione della disapplicazione dei limiti massimi di risarcimento in caso di incidenti marittimi prevista del Reg. Ce 392/2009, in caso di accertamento di responsabilità penali in capo agli armatori stessi, e della nostra richiesta multimilionaria di risarcimento.

Siamo molto soddisfatti del risultato e delle prospettive, chiedendoVi ancora una volta di mantenere ferme la fiducia e le richieste di risarcimento, confidando nell’importanza del nostro ruolo di parti civili nell’accertare la verità e le gravissime responsabilità criminali nel disastro anche per il ruolo delle compagnie di navigazione e armatori.

Le proposte degli assicuratori finora negoziate per chiudere posizioni con una transazione, sono state quasi offensive nella loro limitata dimensione, forti da una posizione dominante avendo dalla loro parte l’incertezza sulle accuse e sui tempi del processo nella corsa verso la prescrizione dei crimini; questa situazione di stallo nel processo penale è finalmente terminata con la chiusura dell’udienza preliminare e il rinvio a giudizio di tutti gli indagati e quindi, ora che procediamo rapidamente alla fase del processo, le prospettive per una valutazione completa delle gravi colpe degli imputati, ed un risarcimento equo ed esemplare per i danni a favore di tutti i passeggeri e le vittime, è definitivamente prevedibile e già raggiungibile con la frase di primo grado.

È importante dire che l’udienza del 26 febbraio sarà l’ultima possibilità per coloro che sono a bordo del Norman Atlantic di agire come parte civile nel processo penale, e questa scelta che è stata fermamente supportata dal nostro team legale fin dall’inizio, e ora suggerita da più studi legali greci e persino dalla procura della Repubblica Greca, sta senza dubbio premiando i nostri clienti che hanno sempre fermamente creduto che il processo penale fosse il set naturale per far valere i vostri diritti e il percorso legale migliore per ottenere un giusto risarcimento non solo legato alla prova del danno, che nel caso di stress post-traumatico e danno psicologico senza lesioni fisiche è molto difficoltoso per le vittime, ma anche e soprattutto commisurato alla gravità delle colpe degli imputati: maggiore è la colpa grave e maggiore è il risarcimento deve essere! per questo motivo abbiamo richiesto nel processo penale una somma di circa un milione di euro per passeggero per danni biologici ed esistenziali, danni patrimoniali e danni punitivi.

Prima del prossimo febbraio, pertanto, sarà nostro dovere e piacere aggiornarvi attraverso una newsletter indirizzata a ciascun cliente su quali vi comunicheremo le informazioni necessarie da acquisire, la vs volontà di essere indicati come testimoni da ascoltare nel processo e di raccogliere i documenti da acquisire tra i documenti di prova

Il team legale “Giustizia per Norman Atlantic”

PRIMA UDIENZA PENALE – 06 maggio 2019

On May 6, 2019, the first preliminary hearing of the Norman Atlantic criminal case was held in the Bitonto bunker room near Bari. The large number of trial parties (public prosecutors and consultants, lawyers for the many defendants, civil lawyers and members of the harbor master’s office, ministries officies and security, as well as journalists and press) made it necessary to move the hearing to a separate branch of the Bari courthouse, which therefore on each day provided for in the calendar set by the judge, will be opened and dedicated specifically to the needs of our process. The only defendant present in the courtroom was Carlo Visentini, owner of the Norman Atlantic’s company, while no member of the crew or the Greek company decided to attend the first court hearing, despite the regularity of the notifications, and therefore the criminal trial against them will continue without any delay, in absentia.

Even among the victims no one was present, but this is obviously due to the fact that for the most part they are people living far from Bari, mainly Greece and Albania, but also because of the fact that these are the first bars of the preliminary hearing , characterized by formal procedural activity and of little substantial interest for the people who were on board the ship. Furthermore – as we expected – the families of the victims and the passengers who filed to be a civil part in the criminal trial are very few compared to the number of passengers and injured parties, but this is mainly due to the fact that most victims have concluded transactions or have acted and continue to claim damages in front of the civil court.

Our pool of lawyers, on May 6th, has instead formalized at the beginning of the hearing the request for the establishment of a civil party claim in the criminal trial, for all our clients, in this way transferring the entire claim for damages – pursuant to art. 75 Italian Criminal Procedure Code – from the civil court office directly in the criminal trial, having already filed,  as you know, a previous case within two years from the claim, in favor of all our clients and in a civil court, to avoid the possible two-year forfeiture of the right to compensation, envisaged by EC regulation 392/2009; when – on the next criminal hearing (set for May 21, 2019) – the civil action claim will be accepted and declared by the judge, this will automatically lead to the interruption of the previous civil proceeding, ritually registered to the role and pending at the Civil Court of Bari RG 20070/2016 – dott. Ruffino Antonio, next hearing scheduled for 11.28.2019. Continua a leggere

Norman Atlantic: a maggio l’udienza preliminare – first hearing in may

Il decreto di fissazione udienza GUP

Come avevamo anticipato a fine dicembre, è stata finalmente firmata la richiesta di rinvio a giudizio e fissata la prima serie di udienze preliminari nell’aula bunker di Bitonto: si parte dal 06 maggio 2019 ed è stato fissato un primo calendario di udienze; assieme al decreto di fissazione udienza GUP è stato notificata anche la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura di Bari, e le novità, rispetto alla prima formulazione dei capi di imputazione all’epoca delle indagini preliminari e dell’incidente probatorio, sono decisamente molte, oltre che nell’elenco di soggetti imputati, notevolmente aumentato comprendendo oggi nei 32 soggetti una buona parte dell’equipaggio, anche nei capi di imputazione, che alla luce dei risultati della perizia e degli accertamenti tecnico-scientifici, è stato ampiato e dettagliato in modo estremamente rigoroso e giuridicamente articolato.


As we anticipated at the end of December, the request for indictment was finally signed by the P.P.’s and the first series of preliminary hearings is being set up in Bitonto bunkering room: starting from May 6th, a first calendar of hearings is already set; together with the decree of the GUP hearing, the request for prosecution by the Bari PP’s office was also notified, and the news, compared to the first formulation of the indictments at the time of the preliminary investigations and the probationary incident, are decidedly many, and beyond that in the list of subjects accused, greatly increased comprising today in the 32 subjects a good part of the crew, but also in the counts of imputation, that in light of the results of the appraisal and the technical-scientific investigations, it is detailed in an extremely rigorous and juridically articulated manner.

Norman Atlantic: criminal trial starts 4 years from the disaster

At exactly 4 years from the fire and shipwreck of the Norman Atlantic, here it comes the official news that the Prosecutor’s office of Bari has finally requested the indictment for the 32 suspects (30 individuals and two companies) accused of the disaster occurred off the Albanian coast in the night between 27 and 28 December 2014, which caused 31 victims, including 12 confirmed deaths and 19 bodies never found, and the serious injury of 64 of the approximately 500 passengers, all remained on board in stormy sea for two days and beyond, and that even today they have not overcome the trauma of that terrible experience.

No fire alarm was issued, no warning from the crew, and the passengers awoke at night between coulters of smoke and panic scenes. A panic which released – in many – the worst in human race. The first to abandon ship were some of the crew, dropping quickly the only usable lifeboat, with just a third of its precious capacity of persons. During the retrieve of the passengers using the baskets lowered from helicopters, others have literally attacked the rescuers, with bites and punches, just to be saved first, others refused to leave priority to women and children. Some people threw himself into the water to escape the flames, and was quickly swallowed by the waves of the icy December sea.

The news of the signing of the request for judgment had been circulating for some weeks now, but reaching the 4th anniversary, it comes an official confirmation that the prosecutors have requested the criminal trial for the legal representative of Visemar, the company that owns the ferry, Carlo Visentini, the two legal representatives of the Greek Anek Lines, charterer of the ship, the commander Argilio Giacomazzi and 26 members of the crew. After confirming the serious responsibilities and negligence that emerged in the probationary phase, the suspects are accused, for various reasons, of crimes of negligent cooperation in shipwreck, culpable homicide and multiple culpable injuries in addition to numerous violations on safety and the navigation code.

The date of the first hearing with the judge of the preliminary hearing has not yet been set, but we already know that – in order to overcome the logistical difficulties of the court of Bari – the Bitonto bunker room was again made available, in which we will stand for this part of the criminal trial.

Our team “Giustizia per Norman Atlantic” has represented so far about fifty people whose lives were devastated in various ways in the shipping incident, as passengers or as family members of victims or missing, and for many of those we lauched the multi-milion civil case running in Bari, that lately moved a further step in extending the compensation responsabilities to another company of Visemar Group.

For many others, forced by the long waiting and personal difficulties, we were asked to negotiate and close their case with a transaction, but now with the criminal trial pending we are confident that justice will soon be brought to all, even for those that couldn’t wait for a judicial and more fair compensation. New clients have recently joined, to overcome the lack of results they faced in other countries and different strategies.

But for all passengers, more and beyond an economic compensation, the first right to justice is that those who have made so many mistakes will pay with years in prison and companies will be punished with heavy punitive damages, so that this tragedy will prevent the recurrence of disasters in the world of navigation by ferries

The 2019 will now be the year of the Norman Atlantic trial, and we will ensure to make it as productive and effective as possible.

Green light for the NORMAN ATLANTIC’s Civil case in Bari

The civil Court of Bari

Following the last hearing in the NORMAN ATLANTIC’s civil case running in the court of Bari, the judge had kept the file in reserve on the many exceptions raised by the counterpart lawyers to support the ineffectiveness and illegitimacy of the notifications and of the whole trial action; on the contrary, by order of the judge dott.ssa SIMONE RAFFAELLA, the Court has instead decided to proceed further in the case and has accepted our request to extend the claim for 26 million euro against VISEMAR COSTRUZIONI, owner of the “naked” hull of the Norman Atlantic ship, then leased to Visemar Navigazione and in turn from this rented to the Greek company ANEK AE. Following the summons for the third party’s call in the trial, the first company will then be jointly held with the others to pay all damages to passengers.

The next hearing of the trial is scheduled for 03/28/2019 09:30 AM FOR THE CALL OF THE THIRD COMPANY.

In the meantime, the criminal trial – passed the phase of the probative incident that has verified the presence of serious responsibilities and malfunctions as with the expert report ordered by the preliminary investigation judge – is undergoing a decisive delay in the start of the trial phase due to structural problems in the court of justice building of Bari; in fact, starting from the end of July, is being declared the stop of all criminal cases with not a few organizational problems for the Public Prosecutor’s Office, which is now without a proper building to celebrate the trials.

We will keep you up-to-date on upcoming developments in civil hearings and criminal cases.


LUCE VERDE PER IL PROCESSO CIVILE A BARI

A seguito della ultima udienza nella causa civile sul naufragio della NORMAN ATLANTIC presso il tribunale di Bari, il giudice aveva trattenuto il fascicolo in riserva sulle molte eccezioni sollevate dai legali di controparte per sostenere la nullità delle notifiche e della azione processuale; al contrario con ordinanza del giudice dott.ssa SIMONE RAFFAELLA, il Tribunale ha invece disposto procedersi oltre nel processo ed ha accolto la ns richiesta di estendere la domanda risarcitoria per 26 milioni di euro circa nei confronti della VISEMAR COSTRUZIONI, proprietaria dello scafo “nudo” della m/n Norman Atlantic, poi concessa in locazione a Visemar Navigazione e a sua volta da questa noleggiata alla compagnia greca ANEK AE. A seguito della citazione per la chiamata del terzo nel processo, anche la prima società sarà quindi tenuta in solido con le altre al risarcimento dei danni a favore dei passeggeri.

La prossima udienza per la prosecuzione del giudizio è fissata al 28/03/2019 09:30 PER CHIAMATA DEL TERZO.

Nel frattempo il giudizio penale – superata la fase dell’incidente probatorio che ha accertato la presenza di gravi responsabilità e malfunzionamenti con la perizia disposta dal giudice delle indagini preliminari – sta subendo un deciso ritardo nell’avvio della fase dibattimentale a causa dei problemi strutturali nel palazzo di giustizia di Bari; di fatto a partire da fine luglioo’è stato lo stop di tutte le cause penali e non pochi problemi organizzativi per la Procura, che si ritrova senza aule per celebrare i processi. Vi terremo aggiornati a breve sui prossimi sviluppi delle udienze civili e della causa penale.

28.06.2018 – second hearing in the Norman Atlantic civil case

Yesterday morning, in Bari Courthouse, the second hearing was held in the civil case brought by our legal team against ANEK AE and Visemar di Navigazione, following the filing of the supplementary memorandum ordered by the judge to specify in detail the damage items and factual elements for each passenger.

Once again the counterpart lawyers have raised numerous and insidious ritual and procedural exceptions, concerning the forfeiture – statute of limitations of the compensation action and rights recalling the Athens convention and the reg.CE 392/2009, in the attempt to guarantee a maximum limit to all compensation for passengers, as  established by the European Community standard, while we immediatly replied on the lateness of these procedural exceptions, on the inapplicability of the CE limits to compensation in the presence (as in our case) of criminal offenses and serious fault / willful misconduct by the carrier (or its employees), requiring finally the judge to authorize the extension of the civil case also against another company of the visemar group (Visemar Trasporti Srl) as owner of the ship and responsible – economically jointly  with the other two, for all compensation, in order to have a more adequate guarantee of solvency, taking into account the high request for compensation also for punitive damages that we proposed.

The judge decided to limit the topic of the discussion only on this last point, considered preliminary to others, and kept the case file in reserve in order to decide whether to authorize the call of Visemar Transport or not;in such eventuality the Court will set a deadline for notifying the deeds to this additional company, establishing a new hearing, or will set directly to the next hearing assigning to the parties an interlocutory term for the filing of replies on the further exceptions, as well as for the articulation of the investigations, filing of documents and certifications.

In the meantime the burned ship has been moved from the cruise dock to the entrance dock of the port of Bari, constituting a gloomy entry/exit ticket for all ships – but hopefully also a severe warning about accident prevention, where it will remain – always under seizure – pending the start of the criminal trial that may require further technical examination of the experts.

This last aspect, unfortunately, has undergone a further slowdown as the criminal court of Bari has recently been declared unfit and part of the hearing and the Public Prosecutor’s activities have moved temporarily under big “camping tents“, in conditions of extreme discomfort, and a recent government’s decree stopped all hearing until the end of the summer; however, we are confident that – after the conclusion of the preliminary investigations – the request for indictment for all the investigated is not far away, and this will certainly represent a decisive turning point for the rights and expectations of passengers and victims.

The investigation phase has been closed; Norman Atlantic approaches the criminal trial

norman atlantic chiuse indagini preliminari processo penale
A big step towards the criminal trial that will bring finally light and justice to the Norman Atlantic marittime disaster; great satisfaction from our legal team, not only because we are approaching the trial, but also because the Public Prosecutor has clearly listened to the complaints of our clients, adding to the accused list all the crew members who did not provide the necessary assistance to passengers. There was no loading plan for the heavy trucks, and the fire started to develop from one of the refrigerated trucks, because there were not enough power outlets and the truck drivers kept their engines running to cool the goods. A hypothesis that had already made its way in the days following the fire, as a malpractice prohibited by navigation regulations. And there were other and numerous negligence, both in the risk assessment and during the evacuation, with extreme disorganization and several crew members who left the ship way before the passengers were safe. Now the Bari prosecutor, after 3 years close investigations, adding all the crew members to the accused, mainly for our multiple reports of severe complaints from our clients for abandonment of the ship; 30 people and two companies, Visemar and Anek Lines, now face the criminale trial for the shipwreck of the Norman Atlantic ferry, which took place off the Albanian coast on the night of December 28 2014 after a fire broke out on board that cost the lives of 31 people, including some Syrian migrants, even minors, and the wounding of others 64.

All the subjects under investigation are liable for involuntary cooperation in shipwreck, culpable homicide and multiple culpable injuries. Numerous violations on security and the navigation code are also contested. To the original 18 people already in the file of the p.p’s office of Bari, Ettore Cardinali and Federico Perrone Capano, they added others 12: they are the legal representative of Visemar, society owner of the ferry, Carlo Visentini, the two legal representatives of the Greek Anek Lines, charterer of the Norman Atlantic, in addition to the commander Argilio Giacomazzi and 26 crew members. 6 of them also contend that they had left the ship avoiding to help passengers way before they were safe. A series of negligences emerged in the expert’s report of the Port Authority of Bari, above all on the assessment of the risks and on the organization of the operations of evacuation of the ship, which would have caused the shipwreck and the death of some passengers. About the causes of the shipwreck we already ran trough a probationary incident phase that lasted about two years with numerous accesses aboard the wreck, moored since February 2015 in the port of Bari, and still subjected to seizure.

The experts report about a ineffective firefighting system and unprepared crew. The fire supposedly started from a refrigerated truck running a diesel engine during navigation. Furthermore, according to the accusatory hypothesis, a plan to load the 128 TIR on board (of which about 60 refrigerators) was missing, arranged on the bridges in an approximate manner, without respecting the distance between the vehicles and the availability of elettric power, forcing hauliers to keep the engines running. And both the captain and carrier companies were full aware of this malpractice. We are also waiting to call accusation about the reason why the captain and the shipping companies have decided to prevent the intervention of the Albanian tugs to wait the arrival from Bari of the rescue, forcing the passengers to fear for their life two day on a ship adrift in flames and in the stormy sea.

In the next few weeks we will update all our clients with more detail on the following steps, about the civil case running in Bari, relations between civil and criminal proceedings, and strategies of our team in order to bring justice and compensation to all.

Norman Atlantic: il punto della situazione a tre anni dalla tragedia

Today, December 28, 2017 falls on the third anniversary of the shipwreck and fire of the Norman Atlantic, and all those involved in the tragedy, can not but remember this date, and from our side we must briefly make a point of the situation about the status of trials and compensation.

  • The criminal trial is struggling to start, despite the probationary phase was closed in April 2017 and the report from the experts appointed by the Court of preliminary investigation of Bari has ascertained the actual existence of many malfunctions on the ship, failure to comply with the emergency procedures by crew and the very serious responsibilities of both Visemar (owner of the ship) and Anek (carrier). We know that the Public Prosecutors assigned to the Norman Atlantic case, in recent months have also dealt with some large and demanding proceedings on organized crime in Puglia, and we are therefore convinced that within the beginning of the new year it will finally be notified the request to trial to all the investigated subjects, starting the expected criminal trial phase, which will lead truth and justice to the victims. As already happened in all the trials on naval disasters that we have followed and continue to follow.
  • Negotiations: concerning on the compensation side, negotiations have reached a level of offers that has been considered by many passengers to be very far from the rightful expectations, even though many have been forced to accept these offers, due to economic difficulties in they were in, especially in Greece. We know that from the ascertaining of liability troughout the criminal case, we will avoid the compensation ceilings that so far have allowed the shipowners to keep the negotiations on a low level, and therefore the negotiations profile remains open to new possible results.
  • The civil trial: in December last year the civil lawsuit started, to avoid incurring the decadence that the European legislation introduced into our legal system, forcing passengers to act judicially within two years from a maritime accident that involved a compensation right, to avoid forfeiture. Defined by the newspapers a record process, the case of the Norman is the second major civil case in the maritime field in Italy: between our team “Justice for the Norman Atlantic” and the team formed by the Turinese Ambrosio & Commodo, Bona & Oliva and the Greeks Pavlakis-Moschos, two separate civil actions were started in 2017 at the Court of Bari, for a total request of almost ten million euro. The first hearing in our trial took place on 24.10.2017, and the judge Dr Simoni Raffaella has kept the file in reserve to decide on the many exceptions raised by the counterparts about the regularity of notifications, passive legitimacy and many other preliminary issues. Just a few days ago we received the order by the court which rejected all the insidious exceptions of Anek’s lawyers regarding the notifications and simply ordered the integration of the deeds with the facts acquired as a result of the probative phase from the criminal procedure (on the dynamic of incident and responsibility of the carrier) as well as about the specification of the damage divided for each position of the passengers and / or family members of the victims, then fixing the case for its continuation at the next hearing on June 26th 2018.

The first confrontation in court with the lawyers of Anek and Visemar, therefore, has definitely closed in favor of the victims and the civil case, pending the developments on the criminal procedures front, will be able to take place regularly in the next months in its preliminary phase. Continua a leggere

Le indagini sul Rina, dal Jolly Nero approdano al Norman Atlantic

L’onda lunga del jolly Nero travolge il Rina, e la macchia si allarga fino a Bari ed al disastro Norman Atlantic
http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/04/19/jolly-nero-il-rina-non-e-piu-intoccabile-due-dirigenti-ai-domiciliari-per-false-certificazioni-sulla-sicurezza-delle-navi/3531856/

Documento Newspaper on our client’s testimonies

An article from Documento newspaper in Greece, recently took into account our legal Team collegue Mr. Kriton Metaxopoulos and some of our client’s interview.

Numerous faults, omissions and violations of basic safety rules are detected in the report on the causes of the tragedy of the Norman Atlantic shipwreck from the experts appointed by the Italian Justice which is currently displayed in «Documento» newspaper. At the same time, people who experienced the events of December 28th 2014, talk to «Documento» newspaper and describe the dramatic moments they experienced in the Adriatic, where they literally faced death.

The appointed experts reported that the ship was overloaded with vehicles and especially refrigerator trucks. The results showed that the on board vehicles were more than the available sockets. In this context, many refrigerator trucks had their engines working while the ship was on board. Furthermore, the experts concluded that the fire caused by a vehicle engine/machine, a fact that may be related to the operation of the engines the on board refrigerator trucks. It is mentioned that the inadequacy of the available sockets on the ship compared with the number of refrigerator trucks became subject of the debate among captain Argillio Giaromazzi, ship-owner Argillio Giaromazzi and representative of ANEK, few hours before the fatal incident.  It is also noted that due to overload of the ship, the vehicles in parking lots were almost stuck with each other.

According to the appointed experts, the construction of the ship, the arrangement of its inner spaces and the time required for the activation of the ship’s fire-alarm system were the basic factors that the fire impossible to be extinguished on time.

Mr. Kriton Metaxopoulos, the lawyer who represents families of victims of the Norman Atlantic shipwreck along with Italian lawyers, mentioned in Documento newspaper the following: ‘’The facts resulted from questioning procedure until today and basically the experts’ findings confirm all the allegations and arguments of both families of the victims and tragedy survivors. In any case, according to my opinion, there is no doubt about the civil and criminal liability of the defendants’’.

Survivors’ Testimonies

  • Mr. Ioannis Vassalos (passenger): ‘’There was no plan and the crew was not on its duty positions.  The situation was out of control.’’
  • Mr. Olivier Coissard (French passenger): ‘’There were such high temperatures that our shoes melted and our bags got burnt.’’
  • Mr. Evangelos Tsoukis (passenger): ‘’Every one of us acted spontaneously. […] There was no coordinated action or any information by the crew…’’
  • Mr. Leonidas Konstantinidis (truck driver): ‘’We were trapped and fire was getting closer to us. The only option seemed to be the sea’’.

Incidente probatorio Norman Atlantic – i risultati della perizia

Nel procedimento penale Rg 20598/14 sul disastro marittimo del Norman Atlantic abbiamo finalmente raggiunto la fase conclusiva dell’indagine svolta dai periti nominati dal tribunale di Bari nell’ambito dell’incidente probatorio diretto dal Giudice delle Indagini Preliminari dott.ssa Alessandra Piliego. periti nominati dal tribunale di Bari nell’ambito dell’incidente probatorio diretto dal Giudice delle Indagini Preliminari dott.ssa Alessandra Piliego.

A partire dal 27 marzo 2017, ogni giorno e per una settimane di fila, si è tenuta udienza all’interno dell’aula bunker di Bitonto, onde consentire al collegio peritale di illustrare i risultati della loro indagine e – in una trattazione divisa per blocchi (caricamento e rizzaggio mezzi, incendio, vdr ed apparati di bordo, gestione emergenza, abbandono nave etc.) – i periti si sottoporranno all’esame delle parti per le varie osservazioni, integrazioni, contestazioni e domande di approfondimento.

Le udienze si sono aperte con le prime schermaglie sul tema dell’ordine di esame e controesame ai periti da parte dei vari difensori. La norma processuale (art. 401, V comma cpp) prevede infatti che le prove sono acquisite secondo le forme ed ordine di assunzione stabilite per il dibattimento, e dunque si deve iniziare l’esame con le proprie domande ai periti chi ha richiesto l’incidente probatorio (nella fattispecie i Pubblici Ministeri), seguendo con il controesame da parte degli avvocati difensori dei 18 soggetti indagati. A seguire i difensori delle parti offese (noi), che possono rivolgere domande ed osservazioni solo indirettamente ed attraverso il giudice, il quale, se le ritiene pertinenti, le formula ai periti (in quanto, durante questa fase processuale, le parti offese non sono ancora parti processuali vere e proprie, qualità che assumono solo nel momento in cui viene ammessa la loro costituzione di parte civile, dopo la richiesta di rinvio a giudizio), assieme alle domande di chiarimento che lei stessa riterrà opportuno svolgere in chiusura dell’esame. Ovviamente “parlare” per ultimi rappresenta un vantaggio processuale non indifferente, tanto che durante il dibattimento vero e proprio, l’avvocato difensore dell’imputato è in genere garantita sempre l’ultima “parola”. In questa circostanza tuttavia, nonostante la protesta dei difensori degli indagati di poter intervenire dopo la serie di domande degli avvocati di parte offesa, il GIP ha giustamente ritenuto di mantenere l’ordine previsto dal codice, anche se, con grande disponibilità verso tutti, ha consentito una occasionale inversione di questo ordine per esigenze di alcuni difensori di parte lesa, e comunque ha garantito la possibilità per tutti, PM e difensori degli indagati di tornare su alcuni eventuali punti toccati da domande delle parti civili.

Nella serie di udienze consecutive si è iniziato da una breve e sintetica presentazione, da parte dei periti, delle quasi 700 pagine della loro relazione e sulle loro conclusioni sull’incendio, sulle cause di probabile innesco, tempi di sviluppo e modalità di propagazione, per poi sottoporsi alle domande della Procura, partendo dalla fase di caricazione mezzi (ed è emersa, come vedremo, una certa pressione di Anek sull’equipaggio della NA per imbarcare un numero di camion frigo in modo eccessivo rispetto alla disponibilità di prese, e sempre senza preavviso), delle operazioni di rizzaggio (ovverosia di aggancio dei veicoli pesanti alle paratie a terra, per assicurare la stabilita del carico e bilanciamento nave, eseguite in modo approssimativo ed assolutamente inadeguato, ammassando i mezzi e, sopratutto gli autotreni, troppo vicini uno all’altro, continuando le operazioni di rizzaggio addirittura anche in navigazione, senza comunque portarle a termine), di collegamento dei camion frigo alle prese di corrente (poiché è stato chiarito come sia severamente vietato, durante la navigazione, alimentare il gruppo frigo dei veicoli da trasporto con vano di carico a temperatura controllata, attraverso i motorini diesel che, invece, mantengono autonomamente la refrigerazione durante la circolazione su strada dei mezzi, e quindi questi, una volta imbarcati, vanno disattivati e allacciati alla rete elettrica della nave), il numero delle prese e dei cavi disponibili a bordo (dando evidenza della presenza di più camion frigo rispetto alle prese e cavi di collegamento disponibili sulla nave, il che certamente da evidenza che alcuni autotreni -almeno 3 sul ponte 4- non erano stati collegati all’impianto elettrico della nave e quindi presumibilmente avevano il sistema di refrigerazione con motore a scoppio in funzione durante la navigazione) e molti altri elementi che dimostrano una spregiudicata approssimazione e generale violazione delle norme Solas e del codice SMS alla base della tragedia (parlano di insieme di “errori umani” e di “vistose e intrinseche debolezze” sotto il profilo ingegneristico come cause del disastro) sopratutto per quanto riguarda l’approntamento della nave e del suo carico al viaggio.

Cosa che, d’altronde, era ben nota visto che i nostri clienti lo avevano con molta chiarezza riferito e denunciato sin da subito: gli autotreni erano stati stipati nei ponti garage in modo tale che alcuni autisti erano stati costretti ad uscire dai finestrini non riuscendo ad aprire gli sportelli, non allineati ne agganciati alle “margherite” di fissaggio a terra per il rizzaggio, ed infatti i periti hanno riscontrato che la Safety Way (la via di passaggio per uscire, per eseguire i giri di ronda ed eventuali controlli oltre che come via di fuga) era parzialmente impegnata da alcuni mezzi e lasciava un angusto spazio di circa 40 cm per passare, rendendo oltretutto particolarmente difficoltoso il check sugli allarmi che sono poi scattati in plancia (sopratutto per un marinaio corpulento come Nardulli, che infatti non ha portato a termine la perlustrazione ma si è limitato a comunicare in plancia che il fumo rilevato dai sensori proveniva da un motore a scoppio in funzione), la dotazione e settaggio degli allarmi antincendio (e la loro funzione di rilievo calore/fumo che poteva essere attivata in modalità and/or), la dotazione, capacita e funzionamento degli impianti anti incendio passivi sulla nave (porte tagliafuoco, paratie A60) e di quelli attivi (sprinkler e drenching). Su questo punto, i periti hanno anche accertato che il sistema drencher, quello che si può attivare per zone di divisione della nave come sistema di estinzione massiva ad acqua sui ponti cargo, deve esser aperto manualmente ed in non più di due zone contemporaneamente (mentre nella fattispecie venne avviato, per negligenza, su almeno tre zone (diminuendo quindi la portata e capacita di estinzione dei getti) e su una zona errata (sul ponte 3 e non sul 4).

Secondo la perizia, l’origine dell’incendio si è invece originato proprio sul deck 4, e con ogni probabilità da un motorino a scoppio a servizio di uno dei camion frigo imbarcati, visto che, come spiegato in aula, questi compressori sono diesel raffreddati ad aria, e quando il veicolo è fermo tendono a surriscaldare molto rapidamente, con conseguente e concreto rischio di generare incendi. Di qui il rigoroso divieto di tenerli disattivati durante la navigazione e l’obbligo per tutti i mezzi con carico refrigerato, di allacciarsi alla rete elettrica della nave per garantire il controllo della temperatura sul vano di carico alimentare, o il normale funzionamento dei diversi motorini a servizio (es. per insufflare aria nel trasporto di pesce vivo).

Continua a leggere

Costa Concordia case and Norman Atlantic

Costa Concordia and punitive damages

Costa Concordia and punitive damages

As known, the ruling on appeal in criminal proceedings about the sinking of Costa Concordia ship, has recently upheld the conviction of captain Francesco Schettino to 16 years in prison. Our legal team has participated in this criminal trial since the beginning, representing, as “Giustizia per la Concordia” the interests of circa a hundred passengers and one of the victims, through a civil request  of compensation filed in the criminal case, running in the court of Grosseto in first degree, and in front of the Court of appeal of Florence then.

Our work, however, it was also and above focused towards establishing facts, detection of truth and identification of ALL responsibilities that, over those undeniable, objective and subjective, of the Captain, have prepared the ground to realize the tragedy, and in particular those of the shipping company because of the many failures, the crew unpreparedness, lack of immediate demand of tugboats and criminal management of the emergency, all widely linked to a consolidated savings policy by Costa Crociere, and more generally from all the shipping companies of big ships.

In the first degree instance, our clients, which – differently many others passengers, did not accept the company offer (€ 11.000,00, giving up any further claims and rights), obtained the conviction for a provisional compensation payment by Costa Cruises, variable between 30 thousand and 50 thousand euro for each passenger. In Appeal the payment due has been increased of about 15 thousand euro, raising the provisionals in a range from 45.000,00 to 65.000,00 euro for each passenger. Up to six times the original offer , as accepted by most passengers!

About punitive damages, the case will proceed in Supreme Court, as recently in our country, we faced many openings to this important side effect of a conviction, in presence of gross negligence.

We can not but emphasize that the compensation ruling on the Concordia case, and the positive results obtained in that criminal trial, can ad will reflect also directly on the Norman Atlantic case, as the winding parameters of the damage used by the courts, took into account the existence of psychological harm, in terms of post-traumatic stress disorder (PTSD), resulting from the participation of our clients to a traumatic experience that left indelible marks in their lives.

Knowing in detail the personal story lived on board of the Norman Atlantic by all of our clients that we assist in this other major naval disaster, we can state without a doubt, that their experience on board of the ferry on fire has been extremely stronger than the one lived aboard of the Concordia, both in terms of duration (up to two days) that of the physical and psychological intensity (exposure to extreme conditions, intoxication from fumes, no assistance on board etc.) and finally major financial losses in the event for the loss of all goods and personal effects, destruction of vehicles and transports etc.

It is worth noting that insurers of both vessels are in fact the same subjects, (P&I club, referring to a joint consortium of shipping companies), and then all damages paid in favor of the Concordia passengers are an objective parameter that must be taken into consideration both at the time of further negotiations in the case of Norman Atlantic, and also in the case of a winding-up on the outcome of the criminal trial, in course of establishment in Bari.

In NA criminal proceedings, the Public Prosecutor office of Bari is finalizing the unloading and disposal of all destroyed vehicles by the outside decks of the ship, and experts are concluding their investigations, aimed at identifying the causes of the fire, the propagation mode of management emergency.

So we trust that soon there will be an acceleration in both the criminal proceedings in the possible negotiations in the accident of Norman Atlantic, which remains one of the largest in recent years in the Mediterranean.

______________

Costa Concordia and punitive damages

Costa Concordia and punitive damages

Come noto la sentenza di appello nel processo penale sul naufragio della Costa Concordia ha recentemente confermato la condanna del comandante Francesco Schettino a 16 anni di reclusione. Il nostro team legale ha partecipato sia dall’inizio a questo processo, rappresentando gli interessi di un centinaio di passeggeri e di una delle vittime, attraverso la costituzione di parte civile e la richiesta di una liquidazione risarcitorio già in sede penale da parte del tribunale di Grosseto prima, e della Corte d’appello di Firenze poi.Il nostro lavoro, però, si è incentrato anche e sopratutto in direzione dell’accertamento dei fatti, dell’accertamento della verità e della individuazione di TUTTE le responsabilità che, oltre quelle innegabili, oggettive e soggettive, del Comandante, hanno preparato il terreno al realizzi della tragedia, ed in particolare quelle della compagnia di navigazione per via dei tanti malfunzionamenti, della impreparazione dell’equipaggio, della mancata richiesta immediata dei rimorchiatori e della criminale gestione della emergenza, il tutto diffusamente legato ad una consolidata politica di risparmio da parte di Costa Crociere, e più in generale delle compagnie di navigazione delle grandi navi.

In primo grado i nostri clienti, che non hanno accettato la offerta di pagamento della società di 11mila euro (accettando la quale in moltissimi altri passeggeri, invece, hanno purtroppo rinunciato ad ogni ulteriore pretesa e diritto) hanno ottenuto la condanna di Costa Crociere al pagamento di una provvisionale sui risarcimenti, variabile tra 30mila e 50 mila euro per ciascun passeggero. In Appello tutti i risarcimenti sono stati aumentati di circa 15 mila euro, portando le provvisionali dai 45mila a 65 mila euro per ciascun passeggero. Fino a sei volte la offerta originaria, accettata dalla maggior parte degli altri passeggeri!

Riguardo ai danni punitivi, proseguiamo in Cassazione, visto che nel nostro paese si sono avuti molti riconoscimenti di questa particolare forma di condanna in presenza di colpa grave, e che le Sezioni Unite sono state recentemente chiamate a pronunciarsi al riguardo.

 Al riguardo non possiamo non evidenziare che la sentenza sulla Concordia ed i positivi risultati ottenuti nel processo penale non può che riflettersi anche sul caso del Norman Atlantic, in quanto i parametri di liquidazione del danno da parte dei giudici, hanno tenuto conto sostanzialmente della sussistenza di un danno psicologico, in termini di disturbo da stress post traumatico (ptsd), derivante dalla partecipazione dei nostri clienti ad una esperienza traumatica che ha lasciato segni indelebili nella loro vita.

Conoscendo nel dettaglio la storia personale vissuta a bordo del Norman Atlantic da parte dei tanti clienti che assistiamo anche in questo disastro navale, siamo in grado di affermare senza ombra di dubbio che la loro esperienza a bordo del traghetto in fiamme è stata estremamente più forte di quella vissuta a bordo della Concordia, sia in termini di durata (fino a due giorni) che di intensità fisica e psicologica (esposizione a condizioni psicofisiche estreme, intossicazione dai fumi, mancata assistenza a bordo etc.) ed infine maggiori danni patrimoniali in caso di perdita di tutti i beni ed effetti personali, distruzione degli automezzi e trasporti etc.

Vale la pena evidenziare che gli assicuratori di entrambe le navi sono di fatto gli stessi, riferibili ad un consorzio solidale tra compagnie di navigazione, e quindi i danni liquidati in favore dei passeggeri della Concordia costituiscono un parametro che dovrà essere preso in considerazione tanto in sede di ulteriori trattative per il caso del Norman Atlantic, che nel caso di una liquidazione ad esito del processo penale in corso di instaurazione a Bari.

 Nel procedimento penale, la Procura di Bari sta tuttora ultimando allo scarico e smaltimento degli automezzi distrutti dai ponti esterni della nave, ed i periti stanno concludendo le loro attività di indagine, volte alla individuazione delle cause dell’incendio, modalità di propagazione di gestione della emergenza.

 Confidiamo quindi che a breve ci sarà una accelerazione sia nel procedimento penale che nelle possibili trattative nell’incidente del Norman Atlantic, che resta uno dei più gravi degli ultimi anni nel mediterraneo.

Cars from Deck 2 seems NOT RECOVERABLE

Questo slideshow richiede JavaScript.

Here are the cars as landed today 04/20/2016 from deck 2 of the Norman Atlantic: while the heavy trucks came out virtually unscathed from the lowest deck 1, the cars are reduced to a heap of blackened metal sheets, stained glass, plastic affected by heat, completely mildewed upholstery and interior soaked beyond repair of smoke, dioxins and mildew.

Unfortunately, the expectations of many passengers and our clients to recover their belongings and objects – even if only of sentimental value, seems to be irretrievably lost and gone up in smoke together with the ship. At a first sight, everything that was in the cars and in the trunks is moldy and smoked trash.

Tomorrow they will complete the unloading of all vehicles and storage of the cars in a warehouse, in order to permit assessment of the owners and Anek on the recoverability of the cars. All cars pulled off by the ship today, in our opinion, is no recoverable under normal conditions, since the mold and the smell of dioxin is so strong that no one can enter the car without protective masks.

In the coming days we will update our clients via personal email on the outside condition of each car stored in the warehouse and on the evaluation and Anek and our expert on the recoverability of the cars and of the personal belongings.

NOTE THAT it will also be possible to transfer cars in Greece in order to collect the vehicles directly to the destination port.


Ecco le autovetture sbarcate oggi 20.04.2016 dal ponte 2 della Norman Atlantic: mentre i TIR sono usciti praticamente indenni dal ponte più basso, le auto sono ridotte ad un ammasso di lamiere annerite, vetri macchiati, plastica intaccata dal calore, tappezzeria completamente ammuffita e interni intrisi in modo irrimediabile di fumi, diossina e muffa.

Putroppo le aspettative dei tanti passeggeri e nostri clienti di recuperare i propri effetti personali e oggetti anche se di valore solo affettivo, pare essere irrimediabilmente perduta ed andata in fumo assieme alla nave. Praticamente tutto quanto era nelle auto e nei portabagagli è ammuffito e affumicato.

Domani si porteranno a termine le operazioni di scarico delle vetture e stoccaggio in un magazzino, al fine di consentire la valutazione da parte dei proprietari e di Anek sulla recuperabilità o meno delle vetture. Di tutte le vetture tirate fuori dalla nave oggi, a nostro giudizio, nessuna è recuperabile a condizioni normali, essendo la muffa e l’odore di diossina talmente forte da non poter entrare nelle auto senza le maschere di protezione.

Nei prossimi giorni aggiorneremo i nostri clienti tramite mail personale sulle condizione delle singole autovetture depositate nel magazzino e sulla valutazione di Anek e del nostro corrispondente sulla recuperabilità o meno delle vetture e del contenuto.

NOTA BENE sarà possibile anche trasferire le autovetture in Grecia per consentire il ritiro direttamente al porto di destinazione

Seizure of trucks close to an end -dissequestro dei TIR vicino

The end of the seizure for 26 trucks, cargo and commercial vehicles escaped from the flames but blocked in Bari for over a year in the Norman Atlantic lower deck, and then after the unloading last week, immediately placed under seizure for the debts (about 2 million euro) unpaid by Visemar (owner of the ship) to the maritime rescue company (the Fratelli Barretta of Brindisi), is near, after a legal dispute between the carrier and the maritime rescue company. A settlement agreement between the parties has just been found, and then decays the reason that led to the seizure of all that was transported in the garage of the ship, including trucks, which at this point can be freed and returned to their rightful owners, mainly greek.

UPDATE 13.04.2016: the lawyers representing the tug boat company have informed that they renounced the seizure after a signed agreement with the Greek company Anek, charterer of the ferry.


Il dissequestro dei 26 TIR e veicoli industriali scampati alle fiamme ma bloccati per oltre un anno nei garage del Norman Atlantic, e poi dopo lo sbarco nelle settimane scorse, posti sotto sequestro conservativo a Bari per i debiti (circa due milioni di euro) non pagati da Visemar (proprietaria della nave) alla società di salvataggio marittimo (la Fratelli Barretta di Brindisi), è vicino, dopo una vertenza giudiziaria tra il vettore e la società di salvataggio marittimo. Un accordo transattivo fra le parti è appena stato trovato, e quindi decade il motivo che aveva portato al sequestro conservativo di tutto ciò che era trasportato nei garage della nave, compresi i camion, che a questo punto possono essere liberati e restituiti ai legittimi proprietari, in gran parte greci.

AGGIORNAMENTO 13.04.2016: i legali della società di traghettatori hanno fatto sapere di aver rinunciato agli effetti del sequestro dopo un accordo sottoscritto con la società greca Anek, noleggiatrice del traghetto.

Unloading vehicles deck 1-2 – sbarco dei mezzi ponte 1-2

The italian authorities have authorized unloading of vehicles from decks n. 1 and n. 2 of the Norman Atlantic: those in charge in the operations have raised the ramps to access bridges n. 1 and n. 2 and over this week will be prepared suitable lighting to ensure safe access to decks and the inspection by Harbour Master / Experts of the Court.

The program is to unload firstly the trucks by bridge n.1 (less affected by heat and flame) and today the first heavy trucks came out – after more than one year – from the cargo hold; As long as the lifting of the ramps goes smoothly and that it is guaranteed safe access, it is expected to unload all trucks in the week between 4 and 8 April, and then unload the vehicles on bridge #2 in the week between 11 and 15 April.

Further details will follow regarding the carry out of operations. Vehicle owners will have to provide the keys in order to unload vehicles from the ship. It has been planned to park the vehicles in a proper site, pending further agreements with the owners for their possible recovery and an inspection on general conditions of vehicles and personal belongings inside of it, as, even where not destroyed by the flames, have being exposed to extreme conditions during and immediately after the fire, and then closed in unhealthy environments for months.

We therefore ask our clients wich had a vehicle along with them, to provide us by express delivery with the keys of the vehicles and a copy of the registration certificate, by sending all to: Agenzia Legale -Viale Aldo Moro n. 11 / n – 00054 Fiumicino (Rome) Italy


 

Le autorità Italiane hanno autorizzato lo sbarco dei veicoli dai ponti n. 1 e n. 2: gli incaricati alle operazioni di smassamento della M/n Norman Atlantic hanno sollevato le rampe per accedere ai ponti n. 1 e n. 2 e nel corso di questa settimana sarà predisposta idonea illuminazione per garantire un accesso sicuro ai ponti e l’ispezione da parte della Capitaneria di Porto/Periti del Tribunale.

Il programma è di scaricare per primi i Tir dal ponte n. 1. (quello meno interessato da fiamme e calore) ed in data odierna i primi automezzi pesanti sono usciti dopo oltre un anno dalla stiva della nave; A condizione che il sollevamento delle rampe avvenga senza problemi e che sia garantito l’accesso in sicurezza, si prevede di scaricare i camion nella settimana tra il 4 e l’8 Aprile, per poi scaricare i veicoli dal ponte n. 2 nella settimana tra l’11 e il 15 Aprile.

I successivi dettagli seguiranno con riguardo allo svolgimento delle operazioni. I proprietari dei veicoli dovranno fornire le chiavi al fine di scaricare i veicoli dalla nave. È stato previsto di parcheggiare i veicoli in luogo a ciò individuato in attesa di ulteriori accordi con i proprietari per il loro recupero e una valutazione sulle condizioni dei mezzi e degli effetti personali al loro interno, che anche ove non distrutti dalle fiamme sono stati esposti a condizioni estreme durante e subito dopo l’incendio, e poi chiusi in ambienti malsani per mesi.

Chiediamo pertanto ai ns. clienti che avevano un veicolo al loro seguito di fornirci tramite corriere espresso le chiavi degli automezzi e copia della carta di circolazione, inviando tutto ad Agenzia Legale -Viale Aldo Moro n. 11/n – 00054 Fiumicino (Rome) Italy

Norman Atlantic – finished unloading from deck 3 – Terminato lo sbarco mezzi ponte 3

IMG_1034It’s been completed the sorting and unloading of the burned vehicles from deck 3 of the ship Norman Atlantic, docked in the port of Bari and destroyed by fire in 12/28/2014, causing the death of 11 people and 18 missing, for all causes yet to be ascertained. All passenger cars and trucks, extracted with great difficulty from the company contracted by the Public Prosecutor’s office in Bari under the direction of experts and scientific police and with the participation of our consultant Prof. Ing. Antonio Scamardella, were totally devastated by fire and high temperatures and reduced to a shapeless mass of metal, so it was carried out disposal and scrapping of vehicles.

The “sterile” area, released from vehicles – was immediately interdicted in order to allow the court experts to further investigate the causes and modes of fire development. It does not appear to be any biological specimen found, belonging to someone of the many dispersed.

The operations on the remaining bridges are therefore suspended and will continue after these scientific findings, until full unloading of the ship.

Our legal team has already from the beginning notified to Anek the full list of clients embarked with their cars, in order to allow verification and possible recovery of the vehicles and especially of their belongings and personal property, in some cases all they had, contained inside the vehicles.


IMG_7003Sono state portate a termine le operazioni di smassamento e scarico degli automezzi incendiati dal ponte 3 della nave Norman Atlantic, ormeggiata nel porto di Bari e distrutta dall’incendio del 28.12.2014, provocando la morte di 11 persone e 18 dispersi, per cause tutte ancora da accertare. Tutte le autovetture e gli autotreni, estratti con molte difficoltà dalla ditta incaricata dalla Procura di Bari sotto la direzione dei periti e della polizia scientifica e con la partecipazione del nostro consulente Prof. Ing. Antonio Scamardella, risultavano totalmente devastate dal fuoco e dalle temperature altissime, e ridotte ad una massa informe di lamiere, quindi si è proceduto allo smaltimento e rottamazione dei veicoli.

L’area “sterile”, liberata dagli automezzi – è stata immediatamente interdetta al fine di consentire ai periti del Tribunale di approfondire le indagini sulle cause e modalità di sviluppo dell’incendio. Non risulta essere stato rinvenuto alcun reperto biologico appartenente a qualcuno dei molti dispersi. Le operazioni sui restanti ponti sono quindi sospese e proseguiranno dopo questi accertamenti scientifici, fino al completo smassamento della nave.

Il nostro team di legali ha già da inizio comunicato ai responsabili di Anek l’elenco completo dei clienti che si erano imbarcati con le proprie auto, al fine di consentire la verifica e possibile recupero dei mezzi e sopratutto dei loro effetti e beni personali, in alcuni casi tutto quello che avevano, contenuti all’interno dei veicoli.

 

UNLOADING OF THE NORMAN ATLANTIC – SBARCO DEI MEZZI

interno NA

Approaching the anniversary of ONE YEAR FROM FIRE OF NORMAN ATLANTIC, exploded Dec. 28, 2014, took place on Oct. 21, 2015 in Bari the meeting at the offices of the Harbour – just across the helpless wreck still moored in port, set by experts appointed by the examining magistrate within of recording evidence in course, in order to plan operations of “UNLOADING” the ship. Present for  our team the lawyer Domenico Chirulli and our consultant, Ing. Antonio Scamardella. The meeting served to illustrate and develop – finally! – the landing plan of the vehicles on board the wreck, an operation that will be implemented by a company specifically empowered by the judge as likely from next month. The only company to participate in the bidding won the job, and operations costs will fall on the Italian citizens, given the lack of agreement between Anek and Visemar in sharing the costs of recovery of vehicles and emptying the ship.

First will be drafted a security plan to protect the safety of those who will have to physically go to empty the bridges, even those completely burned and partially collapsed on one another, and take stock of all that therein is loaded and cluttered. The operations will be conducted in the presence of the forensic team who will ensure findings of the case and the possible – but highly likely – recovery of human remains, in addition to report in some areas (eg DGE room, safety room and bridge, trigger area fire, etc.) of specific evidence that can be used in criminal proceedings.

These operations will require several months for the deducible complexity of operations, made particularly complex in the bridges completely devastated by fire. Clearly it is not possible to know right now how many and which will be cars and trucks that, while not drawn and destroyed by fire, are still considered recoverable with normal functioning; In fact, both the exposure to high temperatures to intense smoke, may have irreparably damaged the electrical and electronic elements of the vehicles, as well as rendered useless all that was contained in a container transported by trucks or inside the car, such as bags, suitcases and personal effects of the passengers, which in some cases were even moving from country to country, bringing with them all their possessions. In addition, the prolonged stay of the vehicles in the inside decks, closed for months as in an oven under the Apulia sun, has actually contributed to the deterioration of everything – on the occasion of our visit on board – we got to see: from the bridge three up on the outside deck it’s all pretty much rusted and macerated.

As for the profile of the compensation for the value of vehicles, trucks and loads, this stage of unloading will be crucial, because Anek, Visemar and their insurers, said that – for them – at the moment all the vehicles that are not destroyed are virtually recoverable, and so you can not evaluate a claim for damages until they could examine their state of conservation. No mention about the year passed by with these vehicles and goods have been closed in the belly of their ship, and that the holders thereof have not been able to legitimately to use it, but we believe that this should be a further, and in some cases as for the goods transports with heavy vehicles – also of considerable economic importance.

Will continue, however, to Pisa on 6 November operations analysis give yourself retrieved from the VDR black box. This part of activities will be instrumental in the reconstruction of both the cause of the fire either of individual responsibilities of the suspects at various stages of the incident, including ship owners!

Of particular interest to us is – besides of course the causes and responsibilities for the development of the fire – the reconstruction of emergency management, and particularly the reasons for the choice of the Italian rescue ships and tug boats, a choice that has compounded the timing and conditions of the passengers, remained for days waiting to be rescued.


150507710-118e363f-b239-433d-a977-4a35de312779Avvicinandoci alla ricorrenza di UN ANNO DALL’INCENDIO DEL NORMAN ATLANTIC, esploso il 28 dicembre 2014, si è svolta il 21 ottobre 2015 a Bari la riunione presso gli Uffici della Capitaneria di Porto – proprio di fronte al relitto ancora ormeggiato inerme in porto, fissata dai periti nominati dal GIP in ambito dell’incidente probatorio in corso, al fine di programmare le operazioni di “smassamento” della nave.

Presenti per il ns. team l’Avv. Domenico Chirulli e il nostro consulente, Ing. Antonio Scamardella. La riunione è servita per illustrare e mettere a punto – finalmente! – il piano di sbarco degli automezzi a bordo del relitto, operazione che sarà attuata da una ditta appositamente incaricata dal Giudice a partire verosimilmente dal prossimo meseL’unica ditta a partecipare alla gara si è aggiudicata la gara, ed i costi delle operazioni ricadranno sui cittadini italiani, stante il mancato accordo tra Anek e Visemar nella ripartizione delle spese di recupero e svuotamento.

Prima dovrà essere redatto un piano di sicurezza per preservare l’incolumità fisica di chi materialmente dovrà procedere a vuotare i ponti, anche quelli completamente bruciati e parzialmente collassati uno sull’altro, e inventariare tutto ciò che ivi è stato caricato e stipato.

Le operazioni saranno svolte alla presenza della Polizia Scientifica che provvederà ai rilievi del caso ed all’eventuale – ma altamente probabile – recupero di resti umani, oltre alla repertazione in alcune aree (es stanza DGE, safety room e ponte di comando, area di innesco dell’incendio, etc.) di specifici elementi di prova utilizzabili nel processo penale.

Queste operazioni richiederanno diversi mesi, per le intuibili complessità delle operazioni, rese particolarmente complesse nei ponti completamente devastati dall’incendio. Chiaramente non è possibile sapere sin d’ora quali e quante saranno le autovetture ed i mezzi pesanti che, pur non attinti e distrutti dal fuoco, siano tuttora considerati recuperabili con normale funzionalità; infatti sia la esposizione ad alte temperature che al fumo intenso, potrebbe aver danneggiato irreparabilmente l’impianto elettrico e gli elementi elettronici dei veicoli, oltre che reso inservibile tutto ciò che era contenuto nei container trasportati dai TIR od all’interno delle auto, come borse, valige ed effetti personali dei passeggeri, i quali in alcuni casi si stavano addirittura trasferendo da un paese all’altro, portando quindi con se tutti i loro beni. Inoltre la prolungata permanenza dei mezzi nei ponti chiusi per mesi come in un forno sotto il sole pugliese ha di fatto contribuito a deteriorare tutto quello che – in occasione del ns sopralluogo a bordo – siamo riusciti a vedere: dal ponte tre fino su al ponte esterno è tutto praticamente arrugginito e macerato.

Per quanto al profilo del risarcimento del valore dei veicoli, dei TIR e del loro carico, la fase di smassamento sarà determinante, poiché Anek, Visemar e i loro assicuratori, hanno dichiarato che – per loro – tutti i mezzi che non risultano distrutti sono virtualmente recuperabili, e quindi non si può valutare un risarcimento del danno finché non si potrà esaminare le loro condizioni di conservazione. Sul fatto che per un anno quei mezzi siano stati chiusi nella pancia della loro nave, e che i titolari degli stessi non ne abbiano potuto fare legittimamente uso nessun accenno, ma noi riteniamo che questa debba essere una ulteriore, ed in alcuni casi come per i trasporti merce con veicoli pesanti – anche di considerevole peso economico.

Proseguiranno, invece, a Pisa il 6 novembre prossimo le operazioni di analisi dei datti recuperati dal VDR. Questa parte di attività sarà determinante nella ricostruzione sia della cause dell’incendio sia delle responsabilità individuali degli indagati nelle varie fasi dell’incidente, armatori compresi!

Di particolare interesse per noi è – oltre ovviamente alle cause e responsabilità per lo sviluppo dell’incendio – la ricostruzione della gestione dell’emergenza, e soprattutto delle ragioni della scelta dei soccorritori italiani, scelta che ha aggravato i tempi e le condizioni dei passeggeri, rimasti per giorni in  attesa di essere tratti in salvo.

Norman Atlantic: recovered by the experts the audio from black box – RECUPERATO DAI PERITI L’AUDIO DALLA SCATOLA NERA

Nel fermo immagine di un video della Guardia Costiera le operazioni di soccorso alla Norman Atlantic, 28 dicembre 2014. ANSA/GUARDIA COSTIERA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++After a long summer stop, some good news coming from the criminal investigations in course in Bari to ascertain the cause of the fire of the Norman Atlantic and identifying any possible responsible for what happened that tragic night.

Thanks to the valuable work of the Judge’s experts on the black box that was found in the dashboard very damaged by the fire,  rumors confirms that it was finally possible to retrieve the audio files that firtly appeared not recorded or lost!

Quite clear the importance of being able to listen to the voices of the Captain and of the crew to reconstruct what happened on the main bridge in the hectic period during the emergency’s phase. We are confident that these data – miracolously recovered – will help to let emerge the truth of what really happened, allowing justice to identify and punish all the possible responsibles, also at a corporate level. We think also that the extraction of the black box data will be useful to understand or at least to explain not only the origin but also the spread of the fire, which also drew the Safety Room of the dashboard.

With this brilliant operation the experts really contributed to the investigations, which we belive it will now dramaticaly accelerate and will soon end with the committal for trial of all the responsibles. And it is not difficult to guess that the audio files will carry out sensational developments. Our goal is not only to assist the passengers of the Norman Atlantic but the most extraordinary and ambitious step that we aim is being able – at the end of the trial – to improve safety of navigation trying to economically punish shipping companies to induce them to equip themselves with modern and functional security systems, instead of saving money on safety measures and crews.

Soon we will update about other possible development on investigation phase, that has recently being extended for six more months, and the possible disembark of the vehicles still onborad of the Norman Atlantic ship, docked in Bari.

__________

Nel fermo immagine di un video della Guardia Costiera le operazioni di soccorso alla Norman Atlantic, 28 dicembre 2014. ANSA/GUARDIA COSTIERA +++EDITORIAL USE ONLY - NO SALES+++

Finalmente, dopo il lungo stop estivo, una svolta nelle indagini peritali in corso a Bari  per accertare le cause dell’incendio del Norman Atlantic e individuare i responsabili di quanto accaduto quella tragica notte. Grazie al prezioso lavoro dei periti sulla scatola nera recuperata della plancia di comando  con l’involucro esterno fuso, é stato miracolosamente possibile recuperare i file audio che parevano in una prima fase non registrati o perduti!

Di tutta evidenza l’importanza di poter ascoltare le voci del Comandante  e dell’equipaggio per ricostruire quanto accaduto in plancia nelle concitate fasi dell’emergenza. Siamo certi che questi dati finalmente ed insperabilmente recuperati faranno emergere la verità, consentendo alla giustizia di individuare e punire tutti responsabili anche eventualmente a livello societario.

Pensiamo, inoltre, che l’estrazione dei dati della scatola nera sarà utile anche per capire o meglio per spiegare non solo l’origine  ma anche la diffusione dell’incendio, che ha attinto anche la Safety Room della plancia di comando. Con questa brillante operazione i periti hanno senza dubbio dato un grosso impulso all’attività investigativa, che ci auguriamo quanto prima possa chiudersi con il rinvio a giudizio di tutti i responsabili. E non è difficile ipotizzare che grazie ai file audio ci saranno a breve svolte clamorose. Il nostro obiettivo è tutelare le persone che assistiamo che erano a bordo del Norman Atlantic ma il risultato più straordinario e ambizioso che ci prefiggiamo è quello di riuscire – attraverso il processo – a migliorare il sistema della sicurezza della navigazione cercando di fare punire economicamente le compagnie di navigazione per indurle a dotarsi di sistemi di sicurezza moderni e funzionali invece che risparmiare su mezzi ed equipaggi .

Presto contiamo di fornire nuovi aggiornamenti sulla fase delle indagini, che è stata recentemente prorogata di sei mesi, e sul possibile sbarco dei veicoli ancora a bordo della nave Norman Atlantic, ormeggiata nel porto di Bari.

A bordo del Norman Atlantic – 12 giugno 2015

Avv. Massimiliano Gabrielli a bordo del norman atlantic Friday the 12th of June 2015, together with the experts appointed by the Criminal Court of Bari, consultants of parties in disputes and my colleagues, we did the first official site inspection on the ship Norman Atlantic, burned down December 28, 2014 off the coast of Albania, while on its way from Greece to Italy. The ship is being sealed in custody for over six months, and after being towed from Tirana to Brindisi, and then to Bari, has been moored in the cruise dock of Bari port. Inside, remained the cars and trucks carrying the goods and all the belongings of the passengers, escaped from death, unfortunately not all, on board of the helicopters and with the few ferry’s means of saving. Everything that was not carbonized by the fire, which reached temperatures above 900 Celsius degrees (it melted aluminum wheels of the cars), has rotted under the heat of the sun; in the enclosed decks to reach the main brigde, we walked in total darkness between smelly sewage, fumes of dioxin, deformed walls, insects and rusty irons, in high danger conditions.

Foto 12-06-15 08 48 11Once we reached the higher opened deck, where passengers found refuge and were trapped for nearly three days in extreme weather surroundings (7-8 sea force, with waves of six meters and freezing winds over 50 km/h) and dreadful psycho-physical conditions, caught between the fire beneath them – melting the soles of their shoes, and the jets of icy water sprayed from the tug boats, we realized perfectly that these ships are death traps from which, in the event of a real emergency, it is impossible to escape. To save more than 500 persons on board were present only two lifeboats and some inflatable liferaft, to be reached sliding in a tube along the 25 meters of the ship’s side, adrift and on fire. Too bad that the red hot steel flank and flames melted the tube, and a man remained stuck inside, while on starboard side, the lifeboat and the tube were reduced to ashes even before they could be prepared for disembarking.

ponet esterno norman atlanticBeyond the technical aspects, regarding the investigations about the causes of the fire, on the ship’s malfunction and the behavior of the crew in the early stages of the emergency, the inspection of the ship has been helpful for us lawyers to better understand the tragedy experienced by our clients. Compared to the inspection on board of the Costa Concordia, which offered us, at distance of two years from the wreck, a kind of immediate snapshot of the moment when the passengers left everything and fled through the giant ship that ended up half under water – which is why I defined it as a modern Pompeii, on the upper deck of the Norman Atlantic we had the feeling of endless time of waiting for help, we found objects that passengers have used for the days in which they were trapped on board, the notebook with the drawings used to keep the kids occupied, blankets, a few bottles of water, bags and shoes of women, abandoned since then; everything else, in passenger’s cabins and lower decks, was reduced to ashes or buried inside the rusty carcasses of burned cars and trucks, along with the bodies of other passengers and clandestine still missing.

The shipping company has requested to delete the logo ANEK LINES from the side of the ship, considered embarrassing and damaging to their commercial image. Certainly it would also like to erase the memory of the tragedy and of the dead, but this will not happen. We lawyers of the victims are here for this, and after this strong experience we will know how to make it even better. The trial will bring light on the ferry industry, ships of shame, and on responsibilities for malfunctions, which are to be found also in the too easy system of controls on ships by the relevant authorities.

Avv. Massimiliano Gabrielli


Foto 12-06-15 09 56 20Il 12 giugno con i miei colleghi di Giustizia per la Concordia, Alessandra Guarini e Massimiliano Gabrielli, sono salito a bordo di quello che resta del Norman Atlantic per eseguire coi periti incaricati dal Tribunale e con i consulenti delle parti il primo sopralluogo sulle condizioni della nave. Siamo entrati da un passaggio – il c.d. accesso del pilota – che dalla fiancata sinistra della nave permette di attraversare una parte del ponte 1 per poi accedere ai ponti superiori con una delle scale posizionate all’interno dei ponti carico. Immediatamente entrati siamo letteralmente assaliti da un fetore indescrivibile di fumo, di putredine e di carburante che ti entra nel naso e in gola nonostante le mascherine che tutti noi portiamo.

Foto 12-06-15 10 04 25Il buio all’interno é totale e ci si può muovere solo usando torce elettriche che ognuno di noi porta con se… nonostante le torce il percorso é veramente pericolosissimo perché camminiamo attraverso carcasse contorte di camion completamente bruciati e gli spazi sono assolutamente angusti. Non solo: il pavimento é esso stesso contorto per essere stato deformato dal calore, scivoloso per essere ricoperto di poltiglia di olio e carburante e acqua e comunque disseminato di detriti metallici. Si sentono anche le mosche, tante, grosse, che ti seguono ovunque in quei meandri bui e rumori di ferraglia che si muove, scricchiola, e si intravvede qualche piccolo animale che scappa al nostro arrivo. Il percorso che ci viene indicato dai militari della guardia costiera che ci accompagnano é assolutamente caotico e si ha l’impressione che nemmeno loro sappiano effettivamente quale strada pigliare tanto che alcune delle persone che mi precedevano prenderanno una strada diversa da quella che il militare che avevo più vicino mi indicava.

Foto 12-06-15 09 35 16Finalmente, dopo avere salito due ponti attraverso scale buie e scivolose dove tutto era coperto da viscidume e dal nero fumo che permea quasi del tutto l’interno della Norman, spuntiamo in uno spazio aperto dove vediamo direttamente le condizioni del ponte e delle auto che erano state li posteggiate: il pavimento, come all’interno, é tutto contorto per il calore che si era sviluppato e la vernice che lo ricopriva é bruciata così che é quasi tutto color ruggine. Le auto sono solo degli scheletri e addirittura vediamo che i cerchioni si sono completamente fusi…uno dei consulenti che erano con noi ci dice che l’alluminio fonde a 900 gradi! Questa, dunque, é la temperatura infernale che almeno è stata raggiunta, addirittura all’aperto! Curiosamente – ci dicono che sarebbe dipeso dallo sbandamento che comunque la nave ha subito – le carcasse delle auto si sono ammassate tutte verso il lato dritto della nave. In maniera inspiegabile vediamo due auto – una Porsche e una Volvo – targate Grecia – sul ponte all’aperto, posizionate sul lato sinistro, che si sono salvate senza apparentemente subire alcun danno.

Foto 12-06-15 09 37 02Sempre sul lato a dritta possiamo vedere quello che rimane delle due scialuppe di salvataggio che non sono state calate a mare (l’incendio si era sviluppato da quella parte e evidentemente non fu possibile sbracciarle): non esistono più, sono completamente polverizzate e inspiegabilmente vediamo all’interno di esse ancora intatte le buste delle razioni di emergenza. Fortunatamente riusciamo a salire al ponte quattro e al cinque senza la necessità di dover rientrare nel ventre nero delle nave: dall’esterno per essere tutte le vetrate esplose per il calore si vedono comunque i resti dei saloni interni che risultano completamente carbonizzati. L’odore tremendo che esce da quelle sale fa presumere che lá ci possano ancora essere dei resti umani.

Foto 12-06-15 10 57 28Accediamo alla plancia di comando dove troviamo un ambiente che, salvo la parte centrale adiacente alla safety room che risulta del tutto bruciata (e anche il soffitto li é deformato dal calore), é cristallizzata ai momenti concitati dell’emergenza. Con Alessandra e Massimiliano ci aggiriamo attoniti in quel l’ambiente che ci ricorda drammaticamente il nostro accesso al ponte di comando della Concordia: lo stesso abbandono e lo stesso senso di tragedia che abbiamo respirato anche lá. Carte buttate ovunque, telefoni abbandonati, sediole rovesciate, il caos di chi evidentemente non ha potuto o saputo dominare quello che stava accadendo.

Foto 12-06-15 09 21 59Dal punto di vista tecnico pare di intendere che i periti e i consulenti siano orientati a ritenere che la causa dell’incendio sia da attribuire ad un camion che trasportava derrate alimentari e che non era stato attaccato alla rete elettrica di bordo…il perché é facile da intuire: troppi camion e autobus erano stati stipati contemporaneamente sul Norman e non c’era più abbastanza spazio per poter fare attaccare alla rete di bordo tutti quanti così causandosi il pericolo di scintille dai motori accesi che avrebbero potuto innescare il focolaio di un incendio. Altro punto da verificarsi é perché gli impianti antincendio non lo abbiano spento: i tecnici stanno verificando che i serbatoi del diesel che alimenta il DGE e l’impianto sono praticamente pieni. Ciò segnala che non sarebbero stati utilizzati fino in fondo e quindi rimane da capire se sia stata una scelta cosciente quella di evitare di usare gli impianti o se invece non abbiano funzionato e perché.

A noi rimane quel senso di orrore per quello che abbiamo veduto, mischiato all’umana pietá per quelli, tutti, che hanno avuto la sfortuna di essere a bordo di quella trappola mortale che non solo é stata usata per evidentemente potersi ottenere il massimo profitto possibile (ed eccessivo) dal carico di troppi automezzi stipati all’inverosimile ma che nemmeno ha funzionato nei propri sistemi di emergenza essenziali per carenze tecniche e per la palese impreparazione del personale di bordo che, oltretutto, si é macchiato della colpa peggiore di avere abbandonato al proprio destino le persone a loro affidate. Cercheremo di fare luce su tutte le manchevolezze, le colpe e le impreparazioni che si sono verificate per amore di verità e per sete di Giustizia, Giustizia per il Norman Atlantic. Con ancora nelle narici e in gola l’odore della morte che promana da quel girone infernale che é stato il Norman.

Cesare G. Bulgheroni


avvocati Alessandra Guarini, Cesare Bulgheroni e Massimiliano GabrielliIl sopralluogo è stato difficile e pericoloso. Siamo saliti al buio, passando attraverso le carcasse bruciate dei tanti mezzi stipati a bordo, in spazi angusti e pericolanti. Abbiamo tutti immediatamente compreso che il carico era eccessivo! L’aria era irrespirabile ed insalubre! Ogni parte della nave è deformata dalle fiamme e le superfici sono sconnesse e scivolose. Con i periti e i consulenti abbiamo cercato ogni elemento utile a ricostruire le cause dell’incendio e del perché i dispositivi di sicurezza non abbiano funzionato. Rimane il “mistero” della scatola nera e dei dati mancanti: il disco interno recuperato dalla nave é bruciato mentre quello esterno, contenuto nella capsula galleggiante, é stato oggetto di una attività di lettura nella fase delle indagini, eseguita senza che venisse fatta una copia forense e con conseguente alterazione dell’originale. Ad oggi mancano proprio i files audio, fondamentali per ricostruire quanto accaduto a bordo la notte dell’incendio! Per questo abbiamo chiesto ai periti di verificare ogni circostanza utile ad escludere eventuali manomissioni.

Foto 12-06-15 09 41 52Ho visto molto orrore dentro quella nave completamente divorata dalle fiamme. Ho visto sul ponte più alto le paratie dove per giorni hanno trovato riparo i naufraghi in attesa dei soccorsi. Ho visto gli zaini dei bambini, i blocchi e le matite usati per distrarli dalla tragedia che stavano vivendo. Siamo rimasti stupiti della richiesta della società Anek Line di cancellare il logo ancora visibile sul fianco del relitto per evitare pubblicità negativa, visto che proprio davanti a quel molo attraccano le grandi navi da Crociera! Ma non riusciranno a cancellare la memoria della tragedia e delle vittime!  L’avv. Massimiliano Gabrielli, l’Avv. Cesare Bukgheroni ed io del legal team “Giustizia per il Norman Atlantic” non dimenticheremo i passeggeri e nemmeno ciò che abbiamo visto e respirato tra quelle lamiere contorte. Staremo a fianco delle vittime affinché la verità sia accertata e i colpevoli puniti!

Avv. Alessandra Guarini


CLICCA PER VEDERE LE FOTO DELL’ACCESSO A BORDO DEL NORMAN ATLANTIC – PICTURES FROM THE INSIDE OF THE SHIP 

Udienza 22 maggio 2015 – Incidente probatorio Norman Atlantic

norman-atlantic-fire-mapSi è tenuta oggi dinanzi al Giudice per le indagini preliminari Alessandra Piliego, del Tribunale di Bari l’udienza fissata per l’incidente probatorio, richiesto dalla procura della Repubblica per accertare mediante perizia le cause dell’incendio ed individuare malfunzionamenti, responsabilità e responsabili.

Il Giudice ha quindi conferito ad un collegio peritale composto da ingegneri e esperti della navigazione un complesso ed articolato quesito finalizzato a verificare la conformità alle normative vigenti, l’efficienza dei sistemi di sicurezza a bordo ed in particolare il sistema antincendio, efficienza e la manutenzione dei sistemi di salvataggio, le procedure di carico e rizzaggio dei mezzi e la vigilanza per accertare l’eventuale presenza di clandestini a bordo. I periti dovranno altresì completare l’analisi della cosiddetta scatola nera, ancora non eseguita in quanto il danneggiamento della capsula VDR ha finora impedito di estrarre i file audio di ciò che venne detto in plancia di comando durante l’emergenza. A questo riguardo è stato dato incarico ai periti anche di verificare le conversazioni intervenute tra il comandante Argilio Giacomazzi e la terra, sia tramite telefonini che per e-mail la notte del 28 dicembre 2015.

I periti avranno sei mesi di tempo per depositare il loro elaborato peritale.

Le operazioni di sopralluogo avranno inizio l’11 giugno alle 15:00 e si svolgeranno anche alla presenza dei pm Ettore Cardinali e Federico Perrone Capano, ai consulenti di parte nominati dai difensori degli imputati e dalle parti civili. Per il ns. Pool legale scenderà in campo come ns. consulente il Prof. Antonio Scamardella, ingegnere navale e titolare della cattedra di manovra e governo della nave presso l’università di Napoli e già consulente dei PM nel processo Costa Concordia. Per consentire ai periti l’ispezione della nave, invece, già il 25 maggio per ordine del Giudice si procederà all’apertura del portellone della nave Norman Atlantic, onde accertare l’eventuale presenza di acque miste ad oli che potrebbero se riversati in mare provocare gravi danni all’ambiente, e si procederà poi nel tempo a sbarcare gli automezzi non distrutti dalle fiamme. Le operazioni si prevede che impegneranno almeno tre giorni, considerando che il metallo del portellone risulta essersi dilatato e fuso con la struttura della nave.

Si presume che durante le prossime operazioni di sopralluogo e di indagine da parte dei periti possano essere anche rinvenuti a bordo altri resti umani carbonizzati, tenuto conto che il numero dei dispersi è ancora approssimativo e che, quella notte, molte persone, tra clandestini e autisti dei mezzi pesanti, risulterebbero aver passato la notte nei locali garage, rimanendo poi intrappolati nell’inferno di fiamme che ha – di fatto – trasformato i ponti inferiori della nave in una sorta di alto forno senza via di scampo.

Per la restituzione dei beni ed automezzi non distrutti dall’incendio (anche se non è ancora certo il loro possibile recupero funzionale, attesa la massiccia esposizione dei veicoli al calore, fumo e acqua salata dal sistema antincendio drenching) e per la dichiarazione di morte presunta dei dispersi, si sono da tempo attivati gli Avvocati Alessandra Guarini, Massimiliano Gabrielli e Cesare Bulgheroni, che già lunedì scorso hanno incontrato i PM baresi per avviare le procedure di prelievo del dna dai parenti dei dispersi, affinché si comprenda se i cadaveri recuperati lungo le coste salentine nelle scorse settimane siano dei loro assistiti o meno.

Proseguono efficacemente, intanto, le trattative, del ns pool di avvocati, con i legali delle compagnie di navigazione Anek e Visemar, con i quali si sta discutendo un accordo per la liquidazione di una somma in acconto sul maggior dovuto in favore dei familiari dei dispersi e delle vittime, e di un possibile versamento risarcitorio a breve in favore dei passeggeri sopravvissuti, oltre al risarcimento per i danni agli automezzi ed agli eventuali beni andati perduti nel disastro del Norman Atlantic.

Su Ns. istanza disposto TEST DNA sui familiari dei dispersi #Norman Atlantic

dna-kkwH-U43020654615759pdF-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Dopo oltre 5 mesi dall’incendio del Norman Atlantic non si è ancora accertata la identità di alcune delle salme recuperate a bordo ed in mare, ed i familiari di alcune vittime hanno incaricato i ns. Avvocati di richiedere alla Procura di Bari di procedere ad un prelievo urgente dei loro campioni biologici, al fine di confrontarli con quelli dei corpi rimasti senza nome; infatti i resti umani totalmente carbonizzati, recuperati a bordo della nave,  e quelli irriconoscibili recuperati in mare, a distanza anche di due mesi, sono già stati sottoposti al test DNA ma non era ancora stato effettuato altrettanto con i parenti dei dispersi, onde procedere poi all’esame comparativo ed eventuale identificazione.

Il giorno 18 maggio 2015 presso gli uffici della Procura di Bari, verrà quindi finalmente affidato l’incarico ai consulenti medico-legali di effettuare presso il policlinico di Bari il prelievo dei campioni biologici per il TEST DNA ai congiunti di due tra i passeggeri dispersi il 28.12.2014, anche in funzione del prossimo avvio delle operazioni peritali a bordo del relitto, che prenderanno il via dopo la udienza di incidente probatorio del 22.05.2015, e che potrebbero anche portare al rinvenimento di altri corpi rimasti a bordo in zone della nave non ancora esplorate: il numero dei dispersi accertati è di 19 passeggeri, di cui tre clandestini.

L’accertamento ha anche una determinante rilevanza riguardo ai tempi per i risarcimenti, poiché la condizione di morte presunta non è stata ancora dichiarata e, ad oggi, i parenti delle vittime non hanno ricevuto alcun tipo di risarcimento od indennizzo dalle compagnie Visemar ed Anek Lines, neppure a titolo di acconto.

Incendio del traghetto “Francesca” di Adria Lines tra Bari e Durazzo

traghetto "Francesca" adria ferries incendioINCENDIO DEL TRAGHETTO “FRANCESCA”: dopo il tragico caso del “Norman Atlantic” il 28.12.2014 e l’incendio del ferry “Sorrento” al largo di Palma de Mallorca il 28.04.2015 , un nuovo incendio divampato per cause non ancora accertate nella sala macchine del traghetto “Francesca” della linea Adria Ferries, partito da Bari con circa 260 persone a bordo tra passeggeri ed equipaggio e diretto a Durazzo, dove sarebbe dovuto arrivare alle 8 del mattino. L’incendio è divampato verso l’una di notte ma questa volta è stato contenuto e poi spento da personale di bordo. Non appena è scattato l’allarme, intorno all’una, sono state approntate le scialuppe, ma non è stato dato l’ordine di abbandono della nave perchè intorno alle 2.30, si è appreso che le fiamme erano state spente dalla squadra antincendio di bordo e che non c’era alcun pericolo per le persone che si trovavano sul traghetto. La nave era ancora vicina alla costa pugliese ed è stata immediatamente raggiunta da tre mezzi della Capitaneria di porto di Bari e da vedette della guardia di finanza e dei vigili del fuoco. Sono stati allertati anche i rimorchiatori a Bari e Barletta. La motonave “Francesca” è comunque rimasta alla deriva, ed è rientrata in mattina al porto di Bari con l’intervento di un rimorchiatore: non ci sono stati feriti e le condizioni dei passeggeri sono buone, anche se la esperienza vissuta dalle persone, sopratutto dopo i noti e recenti casi di incendi a bordo di traghetti, impossibili da domare e che si erano rapidamente trasformati, come per il “Norman Atlantic” nel rogo totale della nave, provocando feriti e morti tra i passeggeri, alcuni dei quali ancora risultano dispersi.

Il Traghetto “Francesca” aveva a bordo 201 passeggeri (una cinquantina gli italiani) con 53 componenti dell’equipaggio, fra i quali 20 italiani. A ciascuno di loro spetterà un risarcimento del danno in base alla esperienza drammatica vissuta a bordo della nave, oltre che per il disagio per il mancato rispetto della tratta fino a Durazzo, effettuato con altra nave solo il giorno successivo.

CHI SIAMO: siamo un gruppo di avvocati, esperti in Ship & mass disaster, come pool “Giustizia per la Concordia” siamo stati leader tra le parti civili nel processo per il naufragio della Costa Concordia, che ancora ci vede impegnati in difesa di un gruppo di circa cento passeggeri nelle udienze del processo penale contro Francesco Schettino, e siamo costituiti come parti civili, come pool “”Giustizia per Norman Atlantic” rappresentiamo circa cinquanta passeggeri e familiari di tre dispersi nella tragedia dell’incendio a bordo del traghetto Norman Atlantic della compagnia Anek Lines avvenuto il 28.12.2014, siamo attivi anche nel caso dell’incendio a bordo del traghetto “Sorrento” della compagnia Transmediterranea avvenuto il 28.04.2015 a largo di Palma de Mallorca, e siamo protagonisti di primo piano nelle fasi di indagini e processuali nei maggiori processi penali italiani che coinvolgano interessi diffusi per vittime di danni alla persona (giustizia per vittime amianto) o per danno finanziario di massa (giustizia per vittime crack fondiaria-sai), come in molte altre iniziative processuali a tutela delle vittime di mass disaster e danni seriali.

avvocati gabrielli - bulgheroni - guariniCOSA VA FATTO: sul fronte civilistico occorre attivare subito le procedure di richiesta del risarcimento danni per tutti i passeggeri del traghetto “Francesca“, come avvenuto per alcuni passeggeri che già assistiamo – inviando una lettera di richiesta di risarcimento del danno alla compagnia Adria Ferries per ciascuno dei soggetti a bordo, mentre per il profilo penale suggeriamo di presentare immediatamente una denuncia-querela alla Procura della Repubblica di Bari, con richiesta di sequestro dei beni per Adria Ferries e le misure interdittive ex D.Lgsl. 231/2001, a garanzia del risarcimento danno ed i futuri indennizzi in favore delle vittime del naufragio, nel caso in cui le compagnie assicurative, per qualsiasi motivo, si rifiutino di pagare. Avendo esperienza specifica nel settore dei disastri marittimi, siamo in grado di individuare le violazioni alle norme di sicurezza e la mancata applicazione delle procedure di emergenza, che comportano gravi responsabilità per le compagnie di navigazione. Nel caso emergano a seguito delle indagini da parte delle autorità della capitaneria di porto e della magistratura, anche malfunzionamenti o presumibili violazioni delle normative di sicurezza o impreparazione alla emergenza da parte dell’equipaggio, questo innalzerebbe la responsabilità della compagnia di navigazione, ed il livello dei risarcimenti attraverso la pretesa di un “danno punitivo” sul modello americano, che oltre alla componente tipica del risarcimento del danno “compensativo”, assume una funzione di prevenzione su violazioni future per tutti soggetti analoghi (armatori o vettori). Nel caso della Costa Concordia sono stati richiesti i danni punitivi, elevando le richieste di risarcimenti nel processo penale ad oltre i 500mila euro per passeggero.

COSA VI OCCORRE: poiché la lista passeggeri di partenza è incompleta, è opportuno  dimostrare che eravate presenti a bordo del traghetto andato a fuoco: anche senza il tagliando-biglietto, è sufficiente che risulti la presenza a bordo anche in base a qualche attestato di sbarco ed alla identificazione disposta dalla Procura di Bari; conservate con cura l’elenco delle cose che sono andate perdute nell’incidente, le spese extra che avete sostenuto e tutte le ricevute di spesa e i certificati medici, annotate gli spostamenti e le spese che avete sostenuto per il rientro a casa o per il prolungamento del viaggio e per recarvi a fare le visite mediche; procuratevi appena possibile una certificazione di un medico psicologo-psichiatra relativa allo stato di ansia e stress post traumatico (se presente), preferibilmente di una struttura pubblica. Il termine per proporre la querela penale è di 90 giorni ma è opportuno inviare subito la lettera di richiesta danni e proporre appena possibile le denunce penali per consentirci di includervi nel procedimento e usufruire degli eventuali sequestri.

COSA VI FORNIAMO: il nostro pool legale vi offre assistenza legale e personale a 360 gradi non solo per ottenere il massimo risarcimento, attraverso il nostro team di avvocati, esperti di diritto marittimo e disastri di massa, ma abbiamo  fornito e stiamo fornendo a sempre più passeggeri informazioni, assistenza per il rientro a casa di gruppi di passeggeri, costringendo la compagnia di navigazione a garantire i rimpatri e versare un fondo per le spese di prima necessità; piuttosto che impostare la nostra azione come class action, sappiamo per esperienza che ogni singola posizione deve essere considerata come un caso a parte ed essere oggetto di una analisi del danno e dello stress subito da ciascun passeggero in base alla sua personale esperienza. Attraverso il ns consulente medico-legale che è il massimo esperto di Post Traumatic Stress Disorder in Italia, già nostro consulente nel processo Costa Concordia e nel processo Norman Atlantic oltre che consulente del Ministero in eventi catastrofici quali Chernobyl, potremo valutare le conseguenze psicologiche in conseguenza alla vostra partecipazione ad una esperienza fortemente traumatica come l’incendio di una nave e la permanenza per ore a bordo, in condizioni psicofisiche difficilissime e di terrore, al fine di relazionare in modo efficace e mirato per essere risarciti nella giusta misura.

QUANTO VI COSTA: operiamo in modo molto chiaro e nella assoluta trasparenza, non è richiesto alcun versamento e portiamo a termine l’incarico senza anticipazioni e con zero spese a carico dei nostri clienti, l’unica spesa che resta a vostro carico è quella per le certificazioni e relazioni mediche; ovviamente i nostri avvocati non lavorano gratis; il sistema di pagamento previsto è quello del patto di quota lite, ovverosia dell’avvocato a percentuale su quello che riusciremo ad ottenere come risarcimento dei danni in vostro favore. E’ certamente, in questo caso, un accordo e meccanismo virtuoso e vantaggioso per le vittime del naufragio, poiché, senza dover anticipare alcuna spesa o rischiare di dover pagare migliaia di euro in parcelle per le spese legali, i nostri avvocati a percentuale avranno tutto l’interesse ad ottenere in vostro favore il massimo risultato nel minor tempo possibile. L’assistenza del ns. pool legale copre interamente con questo accordo sia la fase stragiudiziale (lettere e intimazioni risarcitorie, trattative, incontri, transazioni etc.) che tutte le azioni penali che stiamo promuovendo ed intendiamo promuovere per conto di tutti i nostri clienti (denunce-querele, richiesta di sequestro etc. etc.)

PERCHE RIVOLGERVI A NOI: si tratta di un settore del diritto molto complesso e un normale avvocato di famiglia non è in grado di orientarsi da subito con efficacia; oltre al diritto della navigazione, ci sono anche normative internazionali e comunitarie che si applicano: la Convenzione di Atene si applica ai trasporti internazionali via mare. Quindi, anche se per esempio, tutti i contratti in genere  comprendono una clausola contrattuale di giurisdizione, che vincola ogni azione alle corti favorevoli all’armatore, sottoponendola alla legge di questo, la convenzione Atene dispone che il risarcimento per reclami su lesioni personali e morte di solito può essere portato nel paese più favorevole a voi, che in questo caso è certamente l’Italia. Inoltre per i profili penali della vicenda occorre valutare la possibile costituzione di parte civile contro i responsabili del disastro. Un passeggero, concettualmente, potrebbe sporgere denuncia in un foro giudiziario per lui più conveniente, come nel paese dove risiede, ma per questo non ricevere alcun risarcimento in alcuni casi, mentre se il passeggero avesse presentato una denuncia in una posizione forse meno conveniente come in Italia, ci potrebbero essere maggiori riconoscimenti economici. FATE ATTENZIONE, inoltre, perché nella vicenda alcuni grandi studi legali in tutto il mondo stanno già facendo molta pubblicità ingannevole sulla vicenda, sostenendo di aver preso parte attiva al processo Costa Concordia (non è affatto così) passando poi semplicemente i clienti alle associazioni dei consumatori, collegate con avvocati e studi legali italiani, cercando di raccogliere abbastanza persone per far partire la class action, che come avvenne per il naufragio Concordia a Miami è stata rigettata come giurisdizione, tagliando fuori molti passeggeri dalle cause italiane che sono invece arrivate ai risarcimenti (la scelta era legata alla evidente possibilità di chiedere la quota massima di onorari per la class action nel sistema legale americano a percentuale: 40% del denaro che arriva ai loro clienti); così, legandovi a queste associazioni consumatori e i famelici studi internazionali, in una class action molto probabilmente avviata in una giurisdizione errata e certamente meno favorevole per voi, darete i vostri soldi allo studio legale internazionale, alle associazioni dei consumatori ed ai legali italiani. Affidarsi ad associazioni consumatori, uffici legali esteri od Avvocati non esperti del diritto e del territorio, produrrà inevitabilmente un duplicarsi delle spese legali e dei tempi del risarcimento a Vs. discapito.

COSA FARE, alcuni primi consigli:

  1.  Stilare un elenco dei beni imbarcati (gioielli, attrezzature elettroniche, danaro, vestiti etc.) andati persi nel naufragio.
  2. Recuperare i documenti di viaggio (voucher email, agenzia di viaggio etc.) e documentare ogni spesa sostenuta per il viaggio e per il rimpatrio.
  3. Per coloro che hanno subito lesioni conservare copia dei certificati medici e delle spese, recarsi comunque dal proprio medico per avere referto su ansie e turbamento psicologico (stress post-traumatico)
  4. Rivolgersi al ns. pool di legali per inviare subito e gratuitamente una prima lettera con richiesta per iscritto del risarcimento danni alla compagnia armatrice (cd. lettera di intervento legale), che interrompe ogni prescrizione (prima possibile per  far decorrere gli interessi legali).
  5. Non sottoscrivere alcuna quietanza di rimborso anche parziale.
  6. Nel caso di lesioni si può proporre querela entro tre mesi dal fatto (consigliabile)

Tutta la procedura di trasmissione dei documenti e di aggiornamento avverrà prevalentemente ONLINE attraverso il blog, senza necessità di recarsi fisicamente presso il ns. Ufficio, ovvero tramite email e video-collegamenti web, oppure fissando un tradizionale appuntamento telefonico o di persona presso uno dei nostri uffici.

Abbiamo attivato un BLOG CON TUTTI GLI AGGIORNAMENTI con un forum passeggeri per scambio di informazioni e consulenza sul risarcimento naufragio – incendio

Contattateci telefonicamente o per email ora, NESSUN IMPEGNO DI SPESA, prima consulenza gratuita, risposte immediate dei nostri avvocati!

  • Hot line 24/h   +39 340 2602504 
  • email                 info@agenzialegale.net
  • Fiumicino          (operative office unit) 06 89019172
  • Roma                 (Avv. Massimiliano Gabrielli)
  • Milano               (Avv. Cesare Bulgheroni)
  • Biella                 (Avv. Alessandra Guarini)
  • Bari                    (Avv. Domenico Chirulli)
  • Athens               (Avv. Kriton Metaxopoulus)
  • Tirana               (law firm)
  • Durazzo            (law firm)

FISSATA UDIENZA INCIDENTE PROBATORIO NORMAN ATLANTIC

Dopo lunga attesa, i Procuratori di Bari hanno finalmente  provveduto a depositare la richiesta di incidente probatorio, al fine di procedere attraverso i periti del tribunale, all’accesso alla nave ed esaminare, in contraddittorio con le altre parti processuali, tutto il materiale informatico e di indagine fin qui svolto. Ai periti sarà richiesto di accertare la natura dei malfunzionamenti del sistema antincendio e di tutti i sistemi in dotazione della motonave Norman Atlantic, l’osservanza della normativa in materia di sicurezza navale, di caricamento e rizzaggio degli automezzi, di effettiva chiusura dei garage durante la navigazione individuazione delle cause di insorgere dell’incendio e sua propagazione, la correttezza delle procedure di emergenza, evacuazione e tempistiche degli allarmi, oltre ai rilievi di natura strettamente tecnica funzionali alla successiva fase processuale.

Il GIP di Bari, Dott.ssa Alessandra Piliego, ha fissato udienza al 22 maggio 2015 per formulare i quesiti e conferire formalmente l’incarico al collegio peritale già nominato. Qualcuno dei periti o degli ausiliari sono nomi a noi già noti, per essere stati consulenti del PM o periti nel processo Concordia.

Il lungo elenco delle parti offese, riportate nella ordinanza di fissazione di udienza, è solo parziale perché non aggiornato con tutte le ulteriori querele-denunce depositate in tutta Italia da molti altri passeggeri solo da poco, in prossimità della scadenza del termine di tre mesi dal fatto, ed evidentemente non ancora giunte formalmente alla attenzione degli uffici giudiziari baresi. Questo però non deve preoccupare perché, anche in funzione del fatto che solo una parte dei passeggeri pare aver proposto querela, il Giudice delle Indagini Preliminari ha disposto la notifica della ordinanza che fissa l’udienza anche per pubblico proclamo, disponendone la pubblicazione ai fini della conoscibilità da parte di tutti gli interessati, anche sui siti istituzionali e con trasmissione alle agenzie di stampa.

norman-atlantic-sportellone[1]Attendiamo da molto e con impazienza questo momento per dare il via alle operazioni processuali, e che sembravano incredibilmente destinate a rimanere in sospeso ancora a lungo. La situazione, dobbiamo dire criticamente, pare essersi sbloccata solo a seguito delle pressioni, anche mediatiche, da ultimo evidentemente esercitate dalle compagnie Costa Crociere ed MSC, le quali lamentavano l’occupazione della banchina croceristica nel porto di Bari, da parte del relitto Norman Atlantic, dal sinistro e poco rassicurante aspetto e con all’interno ancora i TIR carichi di derrate alimentari in avanzato stato di decomposizione: per loro, insomma, un relitto scomodo e che puzza.

Sembrano dimenticare, però, che quel relitto custodisce ancora, con ogni probabilità, altri corpi senza vita dei passeggeri che non sono stati rinvenuti o che non erano neppure stati registrati in lista di imbarco, e che  da oltre 120 giorni molti parenti dei dispersi attendono di poter recuperare e portare a casa i resti dei loro familiari, o quantomeno sapere se una delle salme già rinvenute a bordo od in mare negli ultimi mesi appartiene al loro congiunto.

Lunedì presenteremo una istanza formale alla Procura di Bari affinché proceda senza ulteriori indugio al prelievo dei campioni biologici per accertamento del DNA sui familiari di alcuni dispersi che assistiamo, e che innanzitutto chiedono, anzi legittimamente pretendono, di sapere.

Al termine delle operazioni peritali, inoltre, sarà possibile procedere alla eventuale restituzione in favore degli aventi diritto, degli automezzi e dei beni personali non andati distrutti nell’incendio del 28.12.2014.

I nostri Avvocati Massimiliano Gabrielli, Cesare Bulgheroni ed Alessandra Guarini saranno in udienza il 22 maggio, innanzitutto per vigilare e tutelare il rispetto degli interessi delle parti offese, ma anche per valere da subito i diritti dei passeggeri, che ancora attendono ancora da parte delle compagnie una vera offerta.

Ad oggi, infatti, Anek Lines e Visemar non hanno effettuato alcun tipo di offerta concreta, sottraendosi ad un comportamento diligente ma, soprattutto doveroso, mettendo a disposizione una somma risarcitoria iniziale ed adeguata nei confronti dei familiari delle vittime, alcune delle quali, come nel caso degli autisti degli TIR, hanno lasciato mogli e bambini senza alcuna forma di sostentamento.

ALLEGHIAMO LA ORDINANZA INTEGRALE DI FISSAZIONE DELLA UDIENZA DI INCIDENTE PROBATORIO

Pre-Trial probative hearing for #NormanAtlantic

IMG_7327After a long wait, the Public Prosecutors of Bari have finally filed the request for the probative hearing, in order to proceed through the Judge experts, to access the ship and examine, jointly with the other parties, to all the data equipment, and investigation results, carried out so far. The experts will be ask to ensure the nature of the malfunction of the fire alarm system, and all supply systems of the motorship Norman Atlantic, the observance of the regulations on ship safety, loading and securing of vehicles, the effective closing of the garage, identification of the causes of the fire, and its propagation, the correctness of the emergency procedures, evacuation and timing of the alarms, in addition to the reliefs of all technical data, in function to the next processual phase of the case .

The GIP (investigating Judge) of Bari, Dr. Alessandra Piliego, has stated the first pre-trial hearing to May 22- 2015, in order to formulate the investigation requests and to formally give the assignment to a college of experts already appointed. We already know the names of some of this experts, or auxiliaries, for being consultants or experts in the Concordia case.

The long list of injured parties in the hearing decree document, is only partial because it is not updated with all further complaints for several other passengers, only recently filed – in many parties of Italy – close to the expiry period of three months after the fact, and apparently not yet formally dispatched to the attention of Bari court offices. This will not be a difficulty as, out of the fact that only some of the passengers apparently proposed a complaint, the GIP ordered the notification of the decree about the probative hearing with public announce, disposing the publication of the document on institutional sites and its transmission to news agency.

norman-atlantic-sportellone[1]We looked forward to start the judicial proceeding operations, that incredibly seemed destined to remain suspended for a long time more. The situation, we must critically comment, seems to have been resolved only with the media pressure most recently placed by the cruise companies Costa Crociere and MSC, complaining about the occupation of the cruise dock in the port of Bari by the wreck Norman Atlantic, from the gruesome and not very reassuring appearance, containing a lot of heavy trucks still loaded of food in an advanced state of decomposition: so, for them, the Norman Atlantic is an inconvenient and stinks wreck.

They seem to forget, however, that this wreck still holds, allegedly, other passenger’s corpse who have not been found or that were not even recorded in boarding list, and that for more than 120 days, many missing’s relatives are anxious to recover and bring home the bodies of their family members, or at least to know if one of the corpses already found on board or at sea in recent months belongs to their relative.

On Monday we will present a formal request to the Prosecutor of Bari in order to proceed, without further delay, to the sample collection for recognition of DNA on family members of some of the missing, and that firstly ask, indeed legitimately require, to know.

After the expert’s operations will also be possible to proceed to a possible restitution, in favor of claimants, of the recoverable vehicles and personal property, if not destroyed in the fire of 28/12/2014.

Our lawyers Massimiliano Gabrielli, Cesare Bulgheroni and Alessandra Guarini will take part at the hearing on May 22, primarily to monitor and protect the interests of the injured parties, but also to assert immediately passenger’s rights, which are still waiting a real offer from the companies.

As for today, Anek Lines and Visemar have not made any kind of concrete offer, avoiding a diligent behavior but mostly, providing an initial and adequate sum for compensation, due, in relation to the victims’ families, some of which, as in the case of truck drivers, have left wives and children without any form of maintenance .

WE ENCLOSE THE FULL DECREE ORDER THAT STATE THE PROBATIVE HEARING

Norman Atlantic: l’Avv. Bulgheroni in Procura a Bari

cesare bullL’Avv. Cesare Bulgheroni del nostro pool si è recato oggi dì nuovo in Procura della Repubblica a Bari per incontrare i responsabili delle indagini sull’incendio del Norman Atlantic, tuttora in corso, al fine di verificare lo stato delle stesse e coordinare i prossimi appuntamenti; è previsto infatti per il giorno 28.04.2015 il conferimento di incarico ai consulenti della Procura per svolgere ulteriori esami ed accertamenti tecnici non ripetibili ex art. 360 c.p.p. nei confronti dei nuovi indagati (due membri equipaggio), nell’estrazione dei dati ed analisi dal sistema di rilevamento incendi (autosafe – fire alarm control panel) la cui centrale è collocata sulla plancia della nave ormeggiata in banchina a Bari, e nella estrazione dei dati contenuti nel telefono cellulare Samsung in uso al Comandante Argilio Giacomazzi la notte dell’incidente. Inoltre i PM di Bari dovranno decidere se procedere alle notifiche riguardo alla richiesta di incidente probatorio tramite pubblici proclami o con notifiche dirette a tutte le parti offese. Ad oggi ancora non è stata fissata la data di prima udienza per l’incidente probatorio che dovrebbe svolgersi quanto prima. Proseguono infine le operazione di identificazione delle vittime e di analisi DNA dei corpi rinvenuti a bordo ed in mare, ultimo caso circa due settimane fa ad Ostuni.

________

Mr. Cesare Bulgheroni, one of th lawyers of our pool went today again in the Prosecutor’s Office in Bari to meet the investigators on the case of Norman Atlantic, still in progress, in order to check the status of the same and coordinate the upcoming events; it is expected for the day 28/04/2015 the transfer of assignment to the consultants of the prosecutor to conduct further tests and technical assessments not repeatable art. 360 Code of Criminal Procedure against the new investigated (two crew members), data extraction and analysis from the fire detection system (Autosafe – fire alarm control panel) whose center panel lies on the bridge of the ship moored at the quay in Bari, and in the extraction of data from the Samsung phone in use to the Commander Argilio Giacomazzi the night of the accident. In addition, the PM of Bari will have to decide whether to make the notifications concerning the request for the probative evidence hearing through public proclamations or notifications direct to all offended parties. The date still has not been fixed for the first hearing in the recording of evidence procedure that should take place as soon as possible. Finally, it continue operation of victims identification and DNA analysis of the bodies found on board and at sea, the last event about two weeks ago in Ostuni.

Al via l’Incidente Probatorio per verificare nuove responsabilità Norman Atlantic

Abbiamo appena la settimana scorsa depositato l’ennesimo gruppo di querele per i passeggeri che si sono affidati al nostro pool e, come avevamo previsto, si passa alla fase ulteriore. I Pm di Bari non perdono tempo e subito dopo la chiusura dei termini di 90 gg. per il deposito delle querele, notificano la richiesta di incidente probatorio ai 12 indagati, accusati di cooperazione colposa in naufragio, omicidio plurimo e lesioni, anche al fine di accertare nuove responsabilità per il naufragio della Norman Atlantic, la motonave naufragata lo scorso 28 dicembre al largo delle coste albanesi in cui sono morte 11 persone (18 i dispersi per ora accertati). Oltre ai due legali rappresentanti della società greca Anek, noleggiatrice del traghetto, al  supercargo della società Anek  (addetto alle fasi di imbarco), all’armatore Carlo Visentini e al comandante Argilio Giacomazzi, ci sono sette membri dell’equipaggio. Fra i quesiti proposti dalla Procura c’è, inoltre, l’individuazione di «eventuali profili di responsabilità per ritardi nell’attivazione dei sistemi di allarme e antincendio» e di tutti i soggetti preposti alla sistemazione dei carichi a bordo, al controllo dei garage durante la navigazione e poi all’evacuazione dei passeggeri. Il relitto sul quale saranno eseguiti questi accertamenti è ormeggiato di fronte al terminal crociere del porto di Bari dal 14 febbraio scorso. 

Gli accertamenti

Dovrà accertare le cause dell’incendio, la gestione delle fasi di salvataggio ma soprattutto la funzionalità di tutti gli impianti a bordo della Norman Atlantic l’incidente probatorio chiesto dalla Procura di Bari nell’ambito dell’indagine sul naufragio dello scorso 28 dicembre. In particolare i pm chiedono che vengano accertati «il momento in cui la nave è diventata ingovernabile», «la causa dell’incendio, il punto dove ha avuto origine e lo sviluppo del fuoco a bordo». Occorreranno poi accertamenti sulla «presenza di sufficienti prese di alimentazione per le necessità dei mezzi imbarcati», sulla «eventuale accensione durante la navigazione dei motori dei mezzi imbarcati», sulla «presenza di materiali o carichi infiammabili sui mezzi imbarcati e la loro posizione a bordo», sulla «presenza di passeggeri all’interno dei garage durante la navigazione e durante l’incendio e la presenza di clandestini a bordo». Sulle fasi di evacuazione, la Procura vuole verificare «la correttezza dei tempi di emanazione dell’ordine di emergenza generale (raccolta e convogliamento) e dell’ordine di abbandono nave», «la correttezza delle operazioni di convogliamento e gestione passeggeri nei punti di imbarco e la gestione dei mezzi di salvataggio, lance e zattere», «la regolarità delle attrezzature di salvataggio» e «la formazione del personale deputato a fronteggiare situazioni di abbandono nave». Infine «accertare se, stanti le condizioni meteo previste, – concludono i pm – fosse necessario adottare ulteriori accorgimenti».

Ancora possibile prendere parte al procedimento penale

Nonostante il 28.03.2015 sia scaduto il termine per depositare la querela, resta sempre aperta la possibilità ed opportunità di proporre una denuncia e formalizzare la propria posizione come parti offese prendendo parte al procedimento penale che ora entra nel vivo delle fasi investigative. Invitiamo quindi quei passeggeri che siano rimasti ancora indecisi sulla strada da percorrere, a non perdere questa opportunità, che riteniamo essere la strada maestra ed immancabile attraverso la quale ottenere il risarcimento in una misura adeguata. Ricordiamo che nel caso del naufragio Concordia, i risarcimenti più alti sono stati riconosciuti ai passeggeri che hanno preso parte al processo penale, mentre chi ha scelto la strada della class action, della transazione o della causa civile, è stato fortemente penalizzato sia in termini di tempi che economici. 

CONTATTATECI 

Η ΔΙΚΑΣΤΙΚΗ ΑΠΟΦΑΣΗ ΓΙΑ ΤΟ CONCORDIA ΘΕΜΕΛΙΩΝΕΙ ΔΙΚΑΙΩΜΑΤΑ ΑΚΟΜΑ ΚΑΙ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΕΠΙΒΑΤΕΣ TOY NORMAN ATLANTIC

+++TAGLIO+++ GROSSETO: COSTA  CONCORDIA  TRIALΗ ομάδα των δικηγόρων μας, που συμμετείχε και στη δίκη του Concordia, πέτυχε την υψηλότερη αποζημίωση που δόθηκε ποτέ σε επιβάτες –χωρίς σωματικές βλάβες- για το πλοίο που βυθίστηκε έξω από τη νήσο Τζίλιο: το δικαστήριο του Γκροσέτο καταδίκασε τον καπετάνιο Φραντσέσκο Σκετίνο σε 16 χρόνια φυλάκιση και την εταιρεία Costa Cruises σε καταβολή αποζημίωσης στους επιβάτες που εκπροσωπούνταν ως πολιτική αγωγή στην ποινική δίκη.

 Το δικαστήριο του Γκροσέτο, μετά από ΔΥΟ ΜΟΛΙΣ ΧΡΟΝΙΑ ΔΙΚΗΣ, καταδίκασε τον καπετάνιο Φραντσέσκο Σκετίνο σε 16 χρόνια φυλάκιση και την εταιρεία Costa Cruises σε καταβολή αποζημίωσης στους επιβάτες που εκπροσωπούνταν ως πολιτική αγωγή στην ποινική δίκη.

Η αρχική βάση της αποζημίωσης των 30.000€, ανήλθε ΜΟΝΟ ΓΙΑ ΤΟΥΣ ΠΕΛΑΤΕΣ ΜΑΣ στις 50.000€ για τον καθένα, σχεδόν ΠΕΝΤΕ ΦΟΡΕΣ ΜΕΓΑΛΥΤΕΡΗ ΤΗΣ ΑΡΧΙΚΗΣ ΠΡΟΣΦΟΡΑΣ ΠΟΥ ΔΕΧΤΗΚΑΝ ΟΙ ΠΕΡΙΣΣΟΤΕΡΟΙ ΕΠΙΒΑΤΕΣ, εξέλιξη που αποδεικνύει την ποιότητα των προσπαθειών μας στο χειρισμό της αγωγής αποζημίωσης στα πλαίσια της ποινικής δίκης.

 Άλλες δικηγορικές εταιρείες αναφέρονται σε απλές πιθανότητες, εμείς τις κάνουμε πράξεις, κάνοντας τη διαφορά. ΚΑΜΙΑ από τις Ελληνικές ή διεθνείς δικηγορικές εταιρείες ΠΟΥ ΣΥΜΜΕΤΕΙΧΕ ΣΤΗΝ ΠΟΙΝΙΚΗ ΔΙΚΗ ΤΟΥ CONCORDIA δεν πέτυχε το ύψος της αποζημίωσης που κέρδισαν οι δικοί μας πελάτες σε αυτή την υπόθεση. Καμία. Όλες τους προσδιόρισαν τη θέση των πελατών τους με ελάχιστες διαπραγματεύσεις.

 Και αυτή είναι μόνο μια προσωρινή μερική καταβολή, με την επιφύλαξη της τελικής διευθέτησης στην αστική δίκη, κατά την οποία θα μπορέσουμε να αποδείξουμε τις πρόσθετες βλάβες και να επιτύχουμε ως τελική καταδίκη την καταβολή, όπως έχει ζητηθεί, 150-300.000€ ανά επιβάτη, ανάλογα με το βαθμό των σωματικών βλαβών κάθε επιβάτη, σύμφωνα με τις ιατρικές συμβουλές των ειδικών μας.

    • Παρέχεται το δικαίωμα αποζημίωσης για βλάβες που θεωρούνται διαταραχή μετα-τραυματικού στρες στους πελάτες μας, ακόμα και ελλείψει συγκεκριμένων φαρμακολογικών θεραπειών και ιατρικών πιστοποιήσεων.
  • Παρέχεται το δικαίωμα επιστροφής των ζημιών για την απώλεια προσωπικών αντικειμένων επί του πλοίου.

  • Παρέχεται το δικαίωμα επιστροφής των δικαστικών εξόδων.

Εν προκειμένω, είναι περιττό να ειπωθεί, ότι οι προσδοκίες αποζημίωσης για τους επιβάτες του Norman Atlantic είναι αντικειμενικά και σημαντικά υψηλότερες από εκείνες των επιβατών του Costa Concordia, καθώς η εμπειρία των πρώτων ήταν, εκτός από κάποιες σπάνιες περιπτώσεις, δραματικά εντονότερη, τόσο από την άποψη της ψυχολογικής και σωματικής καταπόνησης, όσο και εξαιτίας της άνω των 72 ωρών διάρκειας της καταστροφικής εμπειρίας, σε σύγκριση με τις λίγες ώρες που μεσολάβησαν μέχρι τη βύθιση του Costa Concordia.

IMG_6674Σε πολλές περιπτώσεις, η απώλεια περιουσίας είναι απείρως υψηλότερη, δεδομένου ότι το Norman Atlantic δεν ήταν κρουαζιερόπλοιο, αλλά οχηματαγωγό, με το οποίο ταξίδευαν αρκετοί επιβάτες με τα γεμάτα αντικείμενα και αγαθά οχήματά τους, επαγγελματίες οδηγοί με ακριβά φορτηγά, ενώ αρκετοί φορτωτές έχασαν εμπόρευμα τεράστιας αξίας.

Επομένως, είναι επιτακτικό για τους επιβάτες του Norman Atlantic να συμμετάσχουν στις εκκρεμείς ποινικές διαδικασίες στο Μπάρι και να διδαχθούν από τις εμπειρίες των άλλων: Μην κάνετε το ίδιο λάθος που έκαναν πολλοί επιβάτες του Concordia, οι οποίοι αποδέχθηκαν αμέσως την αρχική πρόταση (11.000€) ή αποκόπηκαν από την ποινική δίκη, καθώς κάποιοι αποφάσισαν να ακολουθήσουν τις ενώσεις καταναλωτών ή τις διεθνείς δικηγορικές εταιρείες που υπόσχονται αποζημιώσεις εκατομμυρίων μέσω της ομαδικής αγωγής ή αστικών υποθέσεων που εξακολουθούν να περιμένουν την ολοκλήρωσή τους και δεν φτάνουν ποτέ σε αυτά τα επίπεδα.

Σε σχέση με την καταδίκη του Concordia, επισημαίνουμε τα ακόλουθα:

  • Πετύχαμε την αναγνώριση του δικαιώματος των επιβατών να διεκδικήσουν αποζημίωση για διαταραχή μετα-τραυματικού στρες σε ένα ναυάγιο, και όχι μόνο εάν έχουν υποστεί σωματική βλάβη.
  • Θέσαμε το ζήτημα των τιμωρητικών αποζημιώσεων (punitive damages) και θα το ξανακάνουμε στην υπόθεση του Norman Atlantic.
  • Αποδείξαμε ότι οι προσφορές που γίνονται από εταιρείες, βάσει των δικών τους κριτηρίων (που αφορούν ενώσεις καταναλωτών) είναι απαράδεκτες και ότι οι εναγόμενοι καταδικάστηκαν σε καταβολή αποζημίωσης έως και πέντε φορές πάνω από την αρχική προσφορά που έκανε η εταιρεία Costa Crociere.
  • Αποδείξαμε στις ασφαλιστικές εταιρείες ότι η ποινική δίκη δεν είναι μια επ’ άπειρον διαδικασία και ότι σε μόλις δύο χρόνια τους αναγκάσαμε να καταβάλουν πάνω από 50.000€ ως προσωρινή μερική καταβολή, δηλαδή 5 φορές περισσότερο από την τελική προσφορά τους.
  • Αντιμετωπίζουμε την ίδια ασφαλιστική εταιρεία (P&I), αυτή της Costa Crociere, οπότε οι διαπραγματεύσεις πρέπει να διεξαχθούν βάσει των αποτελεσμάτων που ήδη έχουμε πετύχει και του ποιοι είμαστε.
  • Το ποσό αυτό (50.000€) θα αυξηθεί τότε, όσον αφορά την ομάδα μας που ήδη πέτυχε προσωρινά αποτελέσματα, ανεβάζοντας την αρχική παράμετρο της αποζημίωσης για τους επιβάτες του Norman Atlantic.

ΕΠΙΚΟΙΝΩΝΗΣΤΕ ΜΑΖΙ ΜΑΣ ΓΙΑ ΝΑ ΣΑΣ ΕΝΗΜΕΡΩΣΟΥΜΕ ΓΙΑ ΤΙΣ ΚΙΝΗΣΕΙΣ ΜΑΣ, ΤΟΝ ΤΡΟΠΟ ΔΡΑΣΗΣ ΜΑΣ Ή ΤΗΝ ΑΜΟΙΒΗ ΜΑΣ.

Norman Atlantic investigation and probative procedure close to a crucial start

IMG_6571Prosecutors that are investigating on the Norman Atlantic case, as soon as the transfer of the ship from Brindisi to Bari will take place, will begin the process of trial evidence probative accident; it is important to proceed with the formalization of passengers positions to the Prosecutor’s office in Bari, presenting the complaints form that we have provided and we are sending on behalf of all our clients;  it is also urgent to start claims for passengers and victim’s relatives damage compensation for the disaster, through a letter of the law firm to the companies Visemar and Anek Lines, as well as insurance. Please contact us for a free and immediate advice.


I Pubblici Ministeri che indagano sul caso Norman Atlantic, non appena il trasferimento della nave da Brindisi a Bari avrà luogo, daranno il via al procedimento di incidente probatorio; è importante procedere alla formalizzazione delle posizioni dei passeggeri alla Procura della Repubblica di Bari, presentando la denuncia-querela che abbiamo fornito e stiamo inviando a nome di tutti i nostri clienti; è anche urgente avviare le richieste di risarcimento danni dei passeggeri e parenti delle vittime del disastro, attraverso una lettera dello studio legale alle società Visemar e Anek Lines, così come alle assicurazioni. Contattateci per una consulenza gratuita ed immediata.


Οι εισαγγελείς που ερευνούν την υπόθεση Norman Ατλαντικού, μόλις η μεταβίβαση του πλοίου από Πρίντεζι προς Μπάρι θα πραγματοποιηθεί, θα ξεκινήσει η διαδικασία της δίκης αποδεικτικών στοιχείων αποδεικτικής ατύχημα? είναι σημαντικό να προχωρήσει με την επισημοποίηση των επιβατών θέσεις στο γραφείο του Εισαγγελέα στο Μπάρι, παρουσιάζοντας τα παράπονα αποτελούν ότι έχουμε δώσει και στέλνουμε για λογαριασμό όλων των πελατών μας? είναι επίσης επιτακτική ανάγκη να αρχίσουν απαιτήσεις για τους επιβάτες και τους συγγενείς αποζημίωσης για ζημίες του θύματος για την καταστροφή, μέσα από μια επιστολή του δικηγορικού γραφείου για τις εταιρείες Visemar και Anek Lines, καθώς και ασφάλιση. Παρακαλούμε επικοινωνήστε μαζί μας για μια ελεύθερη και άμεση παροχή συμβουλών.


Prokurorët që po hetojnë mbi rastin Norman Atlantik, sa më shpejt transferimin e anijes nga Brindisi për në Bari do të zhvillohet, do të fillojë procesin e provave gjyq aksidenti dëshmuese; është e rëndësishme që të vazhdojë me formalizimin e udhëtarëve pozitave të zyrës së Prokurorit në Bari, duke paraqitur ankesat formë që ne kemi dhënë dhe ne jemi të dërguar në emër të të gjithë klientët tanë; ajo është gjithashtu urgjente për të filluar pretendimet për udhëtarët dhe të afërmit kompensimin viktimës dëmit për katastrofën, përmes një letre të firmës ligjit të kompanive Visemar dhe Anek Lines, si dhe sigurim. Ju lutemi të na kontaktoni për një këshillë të lirë dhe të menjëhershme.


Yer alacak Bari, Brindisi geminin transferi en kısa sürede, Norman Atlantik davayla ilgili soruşturma Savcılar, deneme kanıt delil kaza süreci başlayacak; bu şikayetleri sağladık ve tüm müşterilerimiz adına gönderme olduğunu formu sunulması, Bari Cumhuriyet Savcılığı’na yolcu pozisyonların resmileştirilmesi devam etmek önemlidir; o yolcu ve şirketlerin VISEMAR ve Anek Hatları hukuk firması bir mektupla felaket için kurbanın yakınları hasar tazminat, iddialarını, hem de sigorta başlatmak için de acil. Özgür ve acil tavsiye için bizimle irtibata geçiniz.


Les procureurs qui enquêtent sur l’affaire Norman Atlantique, dès que le transfert du navire de Brindisi à Bari aura lieu, vont commencer le processus de témoignage au procès accident probante; il est important de procéder à la formalisation des passagers postes au bureau du procureur de Bari, présentant les plaintes font que nous avons fourni et nous envoyer au nom de tous nos clients; il est également urgent de commencer revendications pour les passagers et les parents dommages la rémunération de la victime de la catastrophe, par une lettre du cabinet d’avocats pour les entreprises Visemar et Anek Lines, ainsi que l’assurance. Se il vous plaît nous contacter pour un conseil gratuit et immédiat.

Risarcimento danni Norman Atlantic: come fare!

norman atlantic in fiamme

Per i passeggeri della nave traghetto “Norman Atlantic”, della compagnia italiana di Bari “Visemar di Navigazione” e gestita dall’operatore marchigiano Agenzia Archibugi, colpita da un grave incendio a largo delle coste della Grecia, partito da Igoumenitsa e diretto ad Ancona, dopo la drammatica disavventura dell’abbandono nave in condizioni meteo particolarmente difficili, inizierà ora il calvario del risarcimento danni, della scelta sulla azione legale da attivare (civile o penale) e sulla scelta dell’avvocato a cui affidarsi.

Noi Vi suggeriamo sin da subito cosa fare, con un breve guida non solo su come e quando richiedere il risarcimento, ma come ottenere il massimo risarcimento, ed un piccolo vademecum da seguire, forti della esperienza in prima linea nei disastri marittimi a seguito del naufragio della Costa Concordia nel quale – a capo del pool di avvocati “Giustizia per la Concordia“, abbiamo rappresentato circa cento passeggeri nel processo penale contro il Comandante Schettino e siamo protagonisti delle azioni civili e risarcitorie per molti altri passeggeri che in precedenza si erano affidati ad agenzie per gestione dei sinistri, alle associazioni di categoria o dei consumatori, rimanendo tagliati fuori dal processo penale e dalle altre iniziative processuali in Italia che abbiamo promosso efficacemente da subito.

SIAMO GIA INTERVENUTI NEL ROGO NORMAN PER CONTO DI UN GRUPPO DI PASSEGGERI Continua a leggere

ΝΟΜΙΚΗ ΥΠΟΣΤΗΡΙΞΗ ΓΙΑ ΤΟ ΑΤΥΧΗΜΑ ΤΟΥ NORMAN ATLANTIC: ΠΩΣ ΘΑ ΔΙΕΚΔΙΚΗΣΕΤΕ ΤΗΝ ΑΠΟΖΗΜΙΩΣΗ

ΝΟΜΙΚΗ ΥΠΟΣΤΗΡΙΞΗ ΓΙΑ ΤΟ ΑΤΥΧΗΜΑ ΤΟΥ NORMAN ATLANTIC: ΠΩΣ ΘΑ ΔΙΕΚΔΙΚΗΣΕΤΕ ΤΗΝ ΑΠΟΖΗΜΙΩΣΗ

Για τους επιβάτες και το προσωπικό του πλοίου Norman Atlantic, ιδιοκτησία του στόλου της εταιρίας “Visemar di Navigazione” και υπό διαχείριση της εταιρίας Agenzia Archilbugi, που καταστράφηκε λόγω πυρκαγιάς λίγο έξω από τις ελληνικές ακτές, μόλις ξεκινάει η περιπέτεια για την αξίωση αποζημίωσης και η δύσκολη επιλογή της κατάλληλης νομικής οδού (αστικό ή ποινικό δίκαιο) και δικηγορικής εταιρίας, που θα αναλάβει τη διαχείριση μιας τόσο δύσκολης υπόθεσης. Τι μπορείτε να κάνετε για να λάβετε τη μέγιστη δυνατή αποζημίωση; Λόγω της συμμετοχής και εμπειρίας μας στην περίπτωση του ναυαγίου «Costa Concordia» μπορούμε να σας βοηθήσουμε να εγείρετε αξιώσεις για σωματικές και υλικές βλάβες , αποζημίωση για απώλεια περιουσιακών στοιχείων, δαπάνες μεταφοράς, αποζημίωση για μη ολοκλήρωση του πακέτου διακοπών κλπ. Έχουμε εκπροσωπήσει στο παρελθόν 100 επιβάτες στην ποινική δίκη κατά του Καπετάνιου του Costa Concordia, κ.Schettino και έχουμε συμβουλέψει εκατοντάδες άλλους επιβάτες σχετικά με αγωγέnorman atlantic in fiammeς που είχαν κατατεθεί είτε από άλλους δικηγόρους ή από ενώσεις καταναλωτών, που αρχικά δεν αποκλείσθηκαν από την ποινική δίκη αλλά με τη συμβολή μας καταφέραμε να τους εκπροσωπήσουμε άμεσα και αποτελεσματικά. Μην απευθυνθείτε σε Ενώσεις Καταναλωτών και δικηγόρους που δεν έχουν πείρα στο ναυτικό δίκαιο. Μην συμμετέχετε σε ομαδικές αγωγές. Η αποδοτικότερη λύση είναι να προσφύγετε ατομικά ενώπιον των δικαστηρίων για όσες βλάβες έχετε υποστεί. Πολλές δικηγορικές εταιρίες και σύνδεσμοι καταναλωτών δηλώνουν δημόσια πως οι ομαδικές αγωγές είναι ο πιο αποτελεσματικός τρόπος να διεκδικήσει ο επιβάτης αποζημίωση και μάλιστα προσδιορίζουν ήδη την αποζημίωση σε 10.000€ τουλάχιστον. Πιστεύουμε ότι οι αποζημιώσεις θα είναι υψηλότερες στην περίπτωση του Norman Atlantic καθώς υπάρχουν αρκετές ιδιαιτερότητες, όπως η εγκατάλειψη του πλοίου εν πλω σε σφοδρή κακοκαιρία (7-8 μποφόρ) που καθιστούσε τις προσπάθειες διάσωσης και περισυλλογής των ναυαγών εξαιρετικά δυσχερή. Οι συγκλονιστικές μαρτυρίες των επιβατών αποδεικνύουν την ιδιαίτερα δυσχερή κατάσταση: «Καιγόμαστε και βυθιζόμαστε, κανείς δεν μπορεί να μας σώσει», «Βοήθεια, είμαστε στο πλοίο ολομόναχοι», «Τα παπούτσια μας λιώνουν από τα φλεγόμενα πατώματα». Περίπου 150 άτομα διασώθηκαν από τις σωσίβιες λέμβους του Norman Atlantic, αλλά λόγω των κακών καιρικών συνθηκών η μεταφορά προς τα ελληνικά διασωστικά πλοία ήταν πολύ δύσκολη έως ακατόρθωτη. Πολλές από τις σωσίβιες λέμβους καήκαν από την φωτιά. Παράλληλα κάποια ελικόπτερα της ελληνική αεροπορίας προσπαθούσαν να διασώσουν μερικούς από τους 512 συνολικά επιβαίνοντες στο πλοίο. Όλοι οι επιβάτες δικαιούνται αποζημίωση από συμβατική ευθύνη της πλοιοκτήτριας εταιρίας, αλλά δικαιούνται και αποζημίωση για τις τυχόν παραβάσεις των προδιαγραφών των κανονισμών ασφαλείας καθώς και για τυχόν πλημμέλεια της πλοιοκτήτριας εταιρίας σχετικά με την ασφαλή προετοιμασία του πληρώματος για παρόμοιες καταστάσεις. Αυτοί οι παράγοντες μπορούν να επιδράσουν αυξητικά ως προς το ύψος της αποζημίωσης, κατά τη θεωρία της τιμωρητικής αποζημίωσης ή punitive damages , όπου σύμφωνα με το Δίκαιο των ΗΠΑ, επιπροσθέτως της τυπικής αποζημίωσης για βλάβες το δικαστήριο επιδικάζει τιμωρητική αποζημίωση ώστε να αποτρέψει την εταιρία από μελλοντικές τέτοιες εγκληματικές παραλείψεις. Γιατί η ομαδική αγωγή δεν ενδείκνυται; Μπορείτε να προστατέψετε τα δικαιώματά σας και να λάβετε την υψηλότερη δυνατή αποζημίωση. Οι ομαδικές αγωγές ενδείκνυται όταν πολλοί ενάγοντες για τους ίδιους λόγους απαιτούν μια μετριοπαθή αποζημίωση κάνοντας χρήση ενός δικηγόρου συλλογικά με σκοπό τη μείωση των εξόδων και αμοιβών. Η ζημία που προκύπτει από την εν πλώ πυρκαγιά στο Norman Atlantic δεν συνιστά μια τυπική περίπτωση αποζημίωσης κατά τις συνήθεις διαδικασίες των ενώσεων καταναλωτών κλπ. Η ατομική προσφυγή δίνει τη δυνατότητα να αξιοποιηθούν όλα τα ένδικα μέσα και να μην περιοριστεί ο ενάγων στην ελάχιστη αποζημίωση που συνήθως επιδικάζουν τα δικαστήρια σε περιπτώσεις ομαδικών αγωγών. Εξειδικευόμαστε στη μεσολάβηση και στην εξωδικαστική επίλυση διαφορών, η οποία ενδείκνυται για τη γρήγορη και άμεση εξασφάλιση αποζημίωσης απευθείας από την πλοιοκτήτρια εταιρία. Η εταιρία μας διαθέτει έμπειρους νομικούς συμβούλους και συνεργάτες στην Ιταλία (Ρώμη, Μιλάνο, Φιουμιτσίνο) με εξειδικευμένη γνώση κυρίως όσον αφορά τη Σύμβαση των Αθηνών σχετικά με τη θαλάσσια μεταφορά επιβατών και των αποσκευών τους. Για παράδειγμα, δίνεται η δυνατότητα βάσει της Σύμβασης των Αθηνών, σε περιπτώσεις αγωγής αποζημίωσης για σωματική βλάβη και θάνατο, ο ενάγων να επιλέξει την πιο ευνοϊκή δικαιοδοσία, δηλαδή την Ιταλική. Το εισιτήριο της κρουαζιέρας αναφέρει πως το Ιταλικό Δίκαιο ισχύει. Σε περιπτώσεις σωματικών βλαβών ο Ιταλικός Νόμος παρέχει πιο εκτεταμένα μέσα θεραπείας σε σχέση με τον Ελληνικό Νόμο. Το να βασιστείτε σε ενώσεις καταναλωτών, να εμπιστευθείτε αλλοδαπές δικηγορικές εταιρίες ή δικηγόρους που δεν ειδικεύονται σε αυτόν τον τομέα, θα οδηγήσει αναπόφευκτα στον διπλασιασμό των δικαστικών εξόδων και των χρεώσεων ανά ώρα που θα βαρύνουν οικονομικά εσάς. Παρακαλώ λάβετε υπόψη σας ακόμα ότι κάποιες μεγάλες εταιρίες ανά τον κόσμο απλά θα παρακάμψουν τους πελάτες τους στην ιταλική ένωση καταναλωτών, η οποία συνδέεται με δικηγόρους και ιταλικές δικηγορικές εταιρίες, προσπαθώντας να συγκεντρώσουν ικανό αριθμό ατόμων ώστε να καταθέσουν ομαδική αγωγή και θα σας ζητήσουν το μέγιστο των εξόδων επί της ομαδικής αγωγής με βάση υπολογισμού το ποσοστό του αμερικάνικου νομικού συστήματος: 40% των χρημάτων που θα κερδίσετε με την αγωγή! Επομένως, με το να καταθέσετε την ομαδική αγωγή μαζί τους, θα δώσετε τα χρήματά Σας στα διεθνή δικηγορικά γραφεία, στις ενώσεις καταναλωτών και στις ιταλικές δικηγορικές εταιρίες. Το δικηγορικό μας γραφείο στην Ιταλία (με γραφεία στο Μιλάνο, στη Ρώμη και στο Φιουμιτσίνο) αποτελείται από μία ομάδα πλήρως αγγλομαθών δικηγόρων, ειδικών σε υποθέσεις αποζημιώσεων σε περιπτώσεις ναυαγίων και στο ναυτικό δίκαιο, που εξασκούν το δίκαιο του τουρισμού και των ταξιδίων, καθώς και ειδικών στη μεσολάβηση. Χειριζόμαστε καθημερινά υποθέσεις είτε αστικής είτε/ και ποινικής δικαιοδοσίας σε ζητήματα αποζημιώσεων και ναυτικά θέματα. Για τη διεξαγωγή μίας υποθέσεως στην Ιταλία απαιτείται Ιταλός δικηγόρος που θα λάβει μέρος στη δίκη, επομένως αν ήδη έχετε κάποιον δικηγόρο που εμπιστεύεστε στη χώρα σας μπορούμε να συνεργαστούμε μαζί του, να χειριστούμε την υπόθεση υπό τις υποδείξεις του και να οδηγήσουμε την υπόθεση με την εμπειρία μας στο ιταλικό δίκαιο και την πρακτική στα εγχώρια δικαστήρια. Η εταιρία δεν έχει ακόμα επίσημα ανακοινώσει το πλήρες πακέτο αποζημίωσης για τους επιβαίνοντες στο πλοίο κατά τη διάρκεια της πυρκαγιάς. ΤΙ ΠΡΕΠΕΙ ΝΑ ΚΑΝΕΤΕ. ΜΕΡΙΚΕΣ ΠΡΩΤΕΣ ΣΥΜΒΟΥΛΕΣ: 1. Φτιάξτε μία λίστα όλων των πραγμάτων σας (κοσμήματα, ηλεκτρονικός εξοπλισμός, χρήματα, ρούχα κτλ) που χάθηκαν στο ναυάγιο. 2. Αναζητήστε τα ταξιδιωτικά έγγραφα (παραστατικό του ταξιδιού από ηλεκτρονικό ταχυδρομείο – e-mail-, ταξιδιωτικό πρακτορείο κτλ) και καταγράψτε όλα τα έξοδα ταξιδιού και επαναπατρισμού που κάνατε. 3. Για όσους από εσάς τραυματιστήκατε, κρατείστε αντίγραφα ιατρικών πιστοποιητικών και εξόδων, ενώ μετά την επιστροφή σας επισκεφθείτε το γιατρό σας για να εκδώσει ιατρική γνωμάτευση για άγχος και ψυχολογικό στρες οφειλόμενο σε «διαταραχή μετατραυματικού στρες» (PTSD). 4. Παρακαλώ επικοινωνήστε με τη δικηγορική μας εταιρία προκειμένου να στείλετε αμέσως και εντελώς δωρεάν ένα πρώτο έγγραφο με το οποίο θα ζητάτε αποζημίωση στην πλοιοκτήτρια (στο εξής έγγραφο δικαστικής διεκδίκησης), το οποίο διακόπτει κάθε παραγραφή ή και αποσβεστική προθεσμία (δεν πρόκειται για 10 ημέρες, όπως ίσως ακούσατε στις ειδήσεις στην τηλεόραση, αλλά σε κάθε περίπτωση είναι προτιμότερο να στείλετε το συντομότερο δυνατό το έγγραφο με τη ζημία που υπεστήκατε ώστε να εκκινήσει η νόμιμη τοκοφορία). 5. Σε περίπτωση τραυματισμού, αυτός υπόκειται στην ποινική διαδικασία και πρέπει να καταθέσετε έγκληση μέσα σε τρεις μήνες από το συμβάν (συστήνεται). 6. Η όλη διαδικασία με το γραφείο μας θα λάβει χώρα διαδικτυακά, χωρίς να απαιτείται η φυσική σας παρουσία στα γραφεία μας, μέσω ηλεκτρονικού ταχυδρομείου (e- mail) και μέσω διασυνδέσεων με κάμερα στο διαδίκτυο. Άλλως αν το προτιμάτε, μέσω προσωπικής συνάντησης στα γραφεία μας στο Μιλάνο, στη Ρώμη ή στο Φιουμιτσίνο ή και στις περισσότερες ιταλικές πόλεις. 7. Έχουμε ανοίξει μία γραμμή επικοινωνίας για συμβουλές αποζημιώσεως στην περίπτωση του ναυαγίου Concordia. ΠΡΟΣΟΧΗ: προσωπική παρουσία δεν απαιτείται εκτός σπάνιων και ειδικών περιπτώσεων. Δεν πιστεύουμε έτσι κι αλλιώς ότι θα οδηγηθούμε σε δίκη, καθώς η πιθανότητα συμβιβασμού που θα προκύψει από τη διαδικασία της μεσολάβησης, ενισχύεται από την ποινική υπόθεση και τα αποτελέσματα των ερευνών. Έτσι, το γραφείο μας εξουσιοδοτείται να λειτουργεί εξ ολοκλήρου διαδικτυακά, με ειδικές συνδέσεις βίντεο, πολύ εύκολες στη χρήση. Όλες οι αιτήσεις, τα έγγραφα και οτιδήποτε χρειαστεί θα αναρτηθεί στην ιστοσελίδα, θα σταλεί με ηλεκτρονικό μήνυμα, ή στην περίπτωση των πρωτότυπων εγγράφων μέσω ταχυδρομείου. Πιστεύουμε ότι όλοι οι επιβάτες θα δικαιούνται αποζημίωσης διαταραχής μετατραυματικού στρες (PTSD), επομένως είναι καλό να αποκτήσετε μία γνωμάτευση ειδικού ιατρού κατά την επιστροφή σας και να κρατήσετε όλες τις αποδείξεις στο όνομά σας. Προκειμένου να προχωρήσουμε προς όφελός σας, είναι επείγον να στείλετε την επιστολή στην οποία θα αξιώνετε τις καταγραφείσες ζημίες, αν δεν το έχετε ήδη πράξει. Αυτό θα είναι χωρίς καμία χρέωση, όπως και όλες οι άλλες δικές μας πρωτοβουλίες για λογαριασμό σας, καθώς λειτουργούμε υπό τη βάση κοινής συμφωνίας, ότι εάν δεν πάρετε τα λεφτά σας δεν θα αναζητήσουμε τα έξοδα και τις χρεώσεις μας. Είναι τόσο απλό. Εμείς θα πρέπει να έχουμε αντίγραφο του εισιτηρίου σας και κατόπιν αυτού θα λάβετε από εμάς όλα τα έγγραφα: ερωτηματολόγια, την αναφορά και το συμφωνητικό. Λάβετε παρακαλώ υπόψη σας ότι το γραφείο μας κάνει μία σημαντική προσπάθεια να συγκεντρώσει όλες τις λεπτομέρειες από τους επιβάτες και τις αρχές, προκειμένου να καταθέσει μήνυση για όλους τους πελάτες μας, διότι πιστεύουμε ότι αυτός είναι ο καλύτερος και ο πιο αποτελεσματικός τρόπος να ανοίξει ο δρόμος προς την αλήθεια για το τι συνέβη και για τα περιουσιακά στοιχεία της εταιρίας προκειμένου να επιτευχθούν υψηλές αποζημιώσεις. Είμαστε πεπεισμένοι ότι θα εμπιστευθείτε κυρίως την αφοσίωσή μας στο συμφέρον σας. Επικοινωνήστε μαζί μας τώρα, χωρίς δέσμευση χρέωσης, για δωρεάν συμβουλές και άμεσες απαντήσεις!

CONTACT US FREE OF CHARGE FOR ASSISTANCE

Hot line ENGLISH SPOKEN +39 340 2602504 +39 06 39741015 +39 06 89019172 info@agenzialegale.net Roma (Avv. Massimiliano Gabrielli) Milano (Avv. Cesare Bulgheroni) Biella (Avv. Alessandra Guarini)

Kriton Metaxopoulos Managing Partner Greece A. & K. METAXOPOULOS & PARTNERS LAW FIRM T: +30 210 7257614, +30 210 7257611 Web: http://www.metaxopouloslaw.gr

CLICK TO WATCH THE VIDEO