Processo Norman Atlantic: udienze di maggio e sequestro conservativo

the bunker’s courtroom in Bitonto/Bari

Norman Atlantic trial: the phase of the witnesses opens with the seizure order

After the preliminary hearing phase, and the series of hearings dedicated to the preliminary objections of the defendants’ lawyers, at the opening of the hearing that is taking place in front of the II^ Collegial Section of the Bari criminal court, largely carried out remotely during the period of covid-19 restrictions, in may’s herarings  we finally entered the debate phase of the trial, returning in the courtroom to hear the first witnesses presented by public prosecution’s office, directed by Ettore Cardinali and Federico Perrone Capano, in order to expose the aspects of the various phases relating to the disaster: departure and navigation, loading of vehicles and general equipment of the ship, management of navigation by the crew and on the discovery of the fire, and then to describe in detail the phases of the emergency and abandonment of the ship, behavior of each crew member accused of not having performed their duties correctly, disembarking passengers, and describe the consequences of the event on the ship and on the people who were on board.

In the passage between the hearings dedicated to preliminary questions and the opening of the actual hearing of witnesses, thus starting the formation of the evidence in a series of hearings, our team of lawyers however presented to the judges a request for a precautionary seizure to freeze the real estate, company shares and salaries of all the defendants, to assure the payments on future compensation for any damage due to our clients, especially in consideration of the fact that in a previous hearing, was ordered the exclusion from the trial of the companies of the Visentini group (Visemar di Navigazione, Visemar Trasporti, Cantieri Navali Visentini), who had been sued by our lawyers since the GUP hearing, as civil responsible, i.e. to answer for financial compensation in relation to the crimes committed by their employees. This exclusion of civil liability, as imprudently requested and proposed by the Bari lawyers on behalf of the Italian companies, facilitated the granting of the precautionary measure in our favor, and so did the court, having our legal pool documented in detail that the real estate assets of the persons accused individually it would not have been sufficient to guarantee even the provisional payments at the outcome of the conviction judgment, and the judges has so granted in favor of our clients a precautionary seizure order up to the amount of 1.5 million euros, to guarantee future compensation, on all properties of the defendants, including real estate, other properties, company shareholdings, salaries, pension and current accounts.

Beyond the considerable precautionary guarantee, the seizure order can certainly be defined as a very important intermediate result for the following reasons:

  • The court ruled that the limits set out in reg. (EC) 392/2009 that the insurers insisted on asserting in the negotiations (€ 35,000 per pax) and instead gave a rough indication of the value of the provisional provisions, in no less than € 50,000 per passenger;
  • We forced the group of P&I insurers to intervene to avoid the freezing of assets and the operations of the companies of the shipowner Carlo Visentini (Visemar di Navigazione, but also a hotel in Venice and a farm), by issuing a letter of undertaking, and raising the value of the guarantee to 1.7 million euros in total.
  • We forced the shipowner ANEK SA to appear in the criminal trial as civil liable to be responsable for damages, while up to now they remained in default, despite the regular summons, with the clear intention of challenging in the future the enforceable title obtained against the company in an Italian trial in which they had not participated.
  • This has also activated a negotiation on the possible settlement of damages in favor of our customers, finally starting from a minimum base of 50 thousand euros / pax for a possible transaction before the end of the judgment, and that we are carrying out in parallel with the trial, with the lawyers of the insurers.
  • It has allowed an acceleration of the trial, since the economic guarantees now also weighs on the defendants and their insurers, for the entire duration of the criminal trial, therefore the lengthening of the times is now disadvantageous not only for the civil parties but also for our opponents.

In fact, the lawyers returned “live” in the bunker hall of Bitonto and in two of previous hearings of 19 and 26 May 2021, the witnesses of the PP.PP’s began to be heard in the process, starting with the officers of PG Mr. CASSANO and CASTIGLIONE, both of the Port Authority, who gave the court a detailed report of some of the more technical aspects, and DE LAURO, one of the seafarers who was aboard the Norman Atlantic, who told more directly some aspects of the service he performed on board as helmsman and patrols of the ship’s decks, and of the emergency phases; as a clear evidence of the traumatic nature of the event and of the fact that it left indelible marks on the personality of all those who were on board the night of the fire, it is enough to say that Mr. De Lauro’s hearing was interrupted several times because, by recounting the most intense moments experienced on the ship in the emergency phase and especially the agitated phases of passenger transhipment, the witness’s voice was broken by tears several times and he told that after the Norman Atlantic disaster he stopped embarking opting for an early retirement, which gives the dimension of the very high level of post-traumatic stress disorder suffered by all passengers, considering that in this case we are dealing with a man of the sea, trained and with great navigation experience, who nevertheless decided not to do that job anymore and at years of distance is still strongly marked and overwhelmed by emotion and tears at the mere memory of the event.

In the meantime, for a series of the minor offenses, concerning some secondary violations of the navigation code for some of the accused, the statute of limitation (prescription) was declared, but obviously all the other accusations stands on the crimes of disaster, murder and multiple culpable injuries and shipwreck with much longer statute of limitations.

Finally, postponement was given for the next hearing on 06 July 2021, in which will be discussed the admission of the documents produced by the parties (in particular the defendants’ lawyers appeared in the courtroom at the last hearings depositing over nine large boxes of documents concerning the certifications of the ship, crew, plant engineering and operating and technical manuals) and for the hearing of other texts by PG of the PP.PP’s and in particular Lieutenant SCHENA (on loading doors, cable connections and lashing etc.) and Captain PALMISANO ( on general safety conditions, machines, plant engineering, generators etc.) and ARDITO.

The busy schedule of subsequent hearings was set by the Bari court starting from September for 7,8,17 and 21 SEPTEMBER, 13,20,27 OCTOBER, 2,10,16,24 NOVEMBER, 7,15 DECEMBER .

By the next hearing in July we will be able to report in more detail to all our clients on the status of the negotiation and on the terms of a possible early agreement for compensation, if a satisfactory settlement is reached, while otherwise we aim to demonstrate in the trial the high level of PTSD suffered by all passengers, the high degree of guilt of the accused, and consequently a right to access a compensation for more adequate compensation, also in terms of punitive damages.

Processo Norman Atlantic: si apre la fase dei testi con il sequestro conservativo

Superata la fase dell’udienza preliminare, ed esaurita la serie di udienze che sono state dedicate alle eccezioni preliminari delle difese degli imputati, in apertura del dibattimento penale che si sta svolgendo davanti alla II^ sezione collegiale del tribunale di Bari,  in buona parte svolte da remoto durante il periodo di restrizioni covid-19, nelle udienze di maggio si è finalmente entrati nella fase istruttoria del processo, tornando in aula per ascoltare i primi testimoni dell’accusa, diretta dai Pubblici Ministeri Ettore Cardinali e Federico Perrone Capano, allo scopo di relazionare gli aspetti generali delle varie fasi relative al disastro: la partenza e navigazione, caricazione mezzi e dotazioni della nave, gestione della navigazione da parte dell’equipaggio e sulla scoperta dell’incendio, per poi raccontare nel dettaglio le fasi dell’emergenza ed abbandono nave, comportamento di ciascun membro dell’equipaggio accusato di non aver svolto correttamente i propri doveri, lo sbarco dei passeggeri, ed infine descrivere le conseguenze dell’evento sulla nave e sulle persone che erano a bordo.

Nel passaggio tra le udienze dedicate alle questioni preliminari e l’apertura del dibattimento vero e proprio, dando così il via alla formazione della prova in una serie di udienze istruttorie, il ns team di avvocati ha però presentato ai giudici una richiesta di sequestro conservativo per richiedere di bloccare i beni immobili, le quote societarie e gli stipendi di tutti gli imputati, quale garanzia sui futuri risarcimenti del danno spettante ai nostri clienti, soprattutto in considerazione che nelle udienze precedenti è stata disposta l’estromissione dal processo delle società del gruppo Visentini (Visemar di navigazione, Visemar trasporti, Cantieri navali Visentini), che erano state citate in giudizio dai nostri avvocati sin dall’udienza GUP come responsabili civili, ossia per rispondere dei risarcimenti economici in relazione ai reati commessi dai loro dipendenti. Tale esclusione delle responsabili civili, su istanza proposta imprudentemente dagli avvocati baresi per conto delle società italiane, ha agevolato la concessione della misura cautelare a nostro favore, e così il tribunale, avendo il nostro pool legale documentato dettagliatamente che il patrimonio immobiliare delle persone fisiche imputate non sarebbe stato sufficiente a garantire nemmeno le provvisionali ad esito del giudizio di condanna, ha concesso a favore dei nostri clienti un sequestro conservativo fino alla concorrenza di 1,5 milioni di euro, a garanzia dei futuri risarcimenti, su tutti i beni mobili ed immobili degli imputati, comprese le partecipazioni societarie, stipendi emolumenti di pensione e conti correnti.

Al di là della considerevole garanzia cautelare, il provvedimento di sequestro può sicuramente definirsi un risultato intermedio molto importante per i seguenti motivi:

  • Il tribunale ha stabilito che al risarcimento non si applicano i limiti di cui al reg. (CE) 392/2009 che gli assicuratori insistevano a far valere nelle trattative (euro 35.000 per pax) ed ha invece dato un’indicazione di massima sul valore delle provvisionali, in non meno di euro 50.000 per passeggero;
  • Abbiamo costretto il gruppo di assicuratori P&I ad intervenire per evitare il blocco dei beni e l’operatività delle società dell’armatore Carlo Visentini (Visemar di Navigazione, ma anche un hotel a Venezia ed una azienda agricola), rilasciando una polizza fidejussoria, ed alzando il valore della garanzia ad 1,7 milioni di euro complessivi.
  • Abbiamo costretto l’armatore ANEK SA a costituirsi nel processo penale come responsabile civile per rispondere dei risarcimenti dei danni, mentre finora era rimasta contumace nonostante la regolare citazione in giudizio, nell’evidente intenzione di eccepire in futuro il titolo esecutivo ottenuto nei suoi confronti in un processo italiano al quale non aveva partecipato.
  • Questo ha inoltre attivato una trattativa sulla possibile liquidazione dei danni a favore dei nostri clienti, partendo finalmente da una base minima di euro 50mila/pax per una eventuale transazione prima della fine del giudizio, e che stiamo portando avanti in parallelo allo svolgimento del processo con gli avvocati degli assicuratori.
  • Ha consentito una accelerazione del processo, in quanto le garanzie economiche ora pesano anche sugli imputati e loro assicuratori, per tutto il tempo di durata del giudizio penale, quindi l’allungamento dei tempi è ora svantaggioso non solo per le parti civili ma anche per i nostri avversari.

Infatti si è tornati già in presenza all’interno dell’aula bunker di Bitonto e nelle due precedenti udienze del 19 e 26 maggio 2021, si è iniziato a sentire i testimoni del PM nel processo, partendo dagli ufficiali di PG CASSANO e CASTIGLIONE entrambi della Capitaneria di Porto, che hanno reso al tribunale un dettagliato resoconto degli aspetti più tecnici, e DE LAURO, uno dei marittimi che era a bordo del Norman Atlantic, che ha raccontato più direttamente alcuni aspetti del servizio che svolgeva a bordo come timoniere ed addetto alle ronde di guardia nei ponti della nave, e delle fasi di emergenza; a riprova della traumaticità dell’evento e del fatto che abbia lasciato segni indelebili nella personalità di tutti quelli che erano a bordo la notte dell’incendio, basti riferire che l’udienza è stata più volte interrotta perché raccontando i momenti più intensi vissuti sulla nave in fase di emergenza e soprattutto le fasi concitate di trasbordo dei passeggeri, la voce di De Lauro è stata spezzata più volte dal pianto ed ha riferito che dopo il disastro del Norman Atlantic ha smesso di imbarcarsi preferendo andare anticipatamente in pensione, il che dà la dimensione dell’altissimo livello dello stress post traumatico subito da tutti i passeggeri, considerando che in questo caso si trattava di un uomo di mare, addestrato e con grande esperienza di navigazione, che tuttavia ha deciso di non fare più quel lavoro ed a distanza di anni è ancora fortemente provato e sopraffatto dall’emozione e dal pianto al solo ricordo dell’evento.

Nel frattempo per una parte dei reati minori contravvenzionali, riguardanti alcune violazioni minori sul codice della navigazione per una parte degli imputati è stata dichiarata la prescrizione, ma ovviamente restano in piedi tutte le accuse sui reati da disastro, omicidio e lesioni plurime colpose e naufragio, con termini di prescrizione molto più lunghi.

E’ stato dato infine rinvio per la prossima udienza del 06 luglio 2021, nella quale si discuterà dell’ammissione dei documenti prodotti dalle parti (in particolare le difese degli imputati si sono presentati in aula nelle scorse udienze depositando oltre nove scatoloni di documenti riguardanti le certificazioni della nave, dell’equipaggio, impiantistica e manuali operativi e tecnici) e per l’audizione di altri testi di PG del PM ed in particolare il tenente SCHENA (su caricazione porte allacci cavi e rizzaggio etc.) e Capitano di corvetta PALMISANO (sulle condizioni di sicurezza generali, macchine, impiantistica, generatori etc.) ed ARDITO.

L’intenso calendario delle udienze successive è stato fissato dal tribunale di Bari a partire da settembre per i giorni 7,8,17 e 21 SETTEMBRE, 13,20,27 OTTOBRE, 2,10,16,24 NOVEMBRE, 7,15 DICEMBRE.

Già entro la prossima udienza di luglio saremo in grado di riferire più dettagliatamente a tutti i nostri clienti sugli sviluppi della trattativa e sui termini di una possibile chiusura anticipata dei risarcimenti, qualora si raggiunga un accordo soddisfacente, mentre in caso contrario puntiamo a dimostrare in corso del giudizio l’alto livello di PTSD subito da tutti i passeggeri, dell’elevato grado di colpa degli imputati, e conseguentemente un diritto ad un risarcimento del danno più giusto, anche in termini di danni punitivi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...