Seconda udienza preliminare 21.05.2019 – ammesse tutte le parti civili nel processo Norman Atlantic

TGR 21 maggio 2019 – Norman Atlantic, parenti vittime e sopravvissuti ammessi al processo penale

Dear Clients, on Tuesday May 21 2019 the second preliminary hearing of the criminal trial on the Norman Atlantic disaster was held in the Bitonto bunker hearingroom.

Let’s start by saying that ALL our clients were admitted as a civil party, and that this important result was by no means obvious or automatic or simple to obtain.

In fact, in the time from the previous hearing, in which we filed our request for the appearance in court, and this last hearing, the judge had assigned to the defendants an intermediate term for the filing of written memoirs with which to illustrate their exceptions and objections to the request to enter the process by passengers and family members, but also organizations and associations. Well, we can say that surely the lawyers (of Anek above all), have not been spared at all (and it must be said that they could also have done it with greater esteem and respect for the victims, as for example Costa Crociere did in the process on the sinking of the Concordia, which raised formal exceptions only against the cities and associations but not also about the constitution of a civil part of the passengers), but on the contrary they have once again (as in the civil trial) put into play every possible and imaginable procedural question, constraint of national and community legislation and of captious exception to try to prevent at any cost the request of the victims to participate in the criminal trial as parties in all aspects, and not only as spectators. Constituting as a civil party, in fact, allows the injured party from a committed crime, in addition to making a request to the judge for compensation on their damage suffered in relation to such conduct, but also play an important role as a private prosecution alongside the public one, exercised by the public prosecutor’s office, in the common search for truth and justice through the conviction of all those responsible for the disaster. Needless to say, the army of defendants’ lawyers would have preferred to have the trial without our unfriendly presence in the courtroom, and already the first heated controversy took place in the courtroom among lawyers, in a clearly nervousness due to the gravity of the charges, on one side, and the delicacy of the positions and the compensatory values ​​requested on behalf of the clients, on the other.

In their memoirs and subsequent discussion in the hearing room, the defenders of the Greek shipowner, but not only them, tried to enforce the rules of Reg. (EC) 392/2009 in the criminal trial which, as you now by know, provides (art 16, point 3 of the Athens Convention) a two-year preclusional term, which led us prudently to initiate a civil lawsuit in Bari in December 2016, thus claiming, in a very insidious way, that today it would not be possible for us to validly transfer the compensation action from the civil to the criminal trial, due to some alleged forfeiture and other (alleged) defects matured during the civil trial. Nevertheless the defendants’ defenses claimed that the nature and legitimacy of the requests was not adequately demonstrated and documented.

To all these exceptions we have analytically and extensively responded, both through a written memorial and with replies in the courtroom, noting that the art. 74 c.p.p. it does not provide for any exception and civil law limit to the constitutional principle according to which the action to obtain compensation for damages (and refunds) caused by the crime can be exercised in criminal proceedings. As a result of this exchange of hearing discussions, the judge withdrew to the chamber to resolve his decision on all these preliminary points.

The result is, as anticipated, of full and total acceptance of our reasons by the court, with the rejection of every exception of the defendants and admission of all the civil parties in the trial, without any reservation.

A first demonstration of strength that has seen us overcome in a total and decisive way the technical and exploitable defenses of the accused.

At this juncture the Judge showed great sensitivity for the victims, with an articulated and in-depth verdict, unusual for this trial phase, through which he dealt with (and defused) every tiny fold of the many questions raised by our counterparts, not letting himself be influenced by fallacy exceptions, high-sounding but at the same time smoky and inconsistent.

Now the GUP has postponed the preliminary hearing to October 29, 30 and 31, to allow us the call of the civil responsible, that is to summon the companies that will have to guarantee the payment of the reparations of the damages that will be liquidated to the victims as consequence of the condemnation of the defendants, and then enter into the heart of the criminal trial, with a calendar of hearings finally closed and to the bitter end, at the end of which it will be necessary to arrive at the confirmation on the indictment of the current accused (30 people and 2 companies) for the crimes, disputed in various capacities, of negligent cooperation in shipwreck, culpable homicide and multiple negligent injuries as well as numerous on security violations and the navigation code. We do not expect big surprises on the subject of alternative rituals but we are ready to face even such possible defensive strategies.

The GUP dr. Agnino has again reserved the decision on the new seizure of the wreck, demanded by civil parties and the Public Prosecutor, which is still moored in the port of Bari since February 2015 and was released from previous seizure just a few days before the preliminary hearing.

Ingresso dell’aula Bunker nel processo penale sul disastro del Norman Atlantic

Cari clienti, martedì 21 maggio 2019 si è tenuta la seconda udienza preliminare del processo penale sul disastro Norman Atlantic nella aula bunker di Bitonto.

Cominciamo subito con il dire che TUTTI i nostri clienti sono stati ammessi come parte civile, e che questo importante risultato non era affatto scontato né automatico né semplice da ottenere.

Infatti nello spazio tra la precedente udienza, nella quale abbiamo presentato la nostra istanza per la costituzione in giudizio, e quest’ultima udienza, il giudice aveva assegnato ai difensori degli imputati un termine intermedio per il deposito in cancelleria di memorie scritte con le quali illustrare le loro eccezioni ed opposizioni alle richiesta di entrare nel processo da parte di passeggeri e familiari, ma anche enti ed associazioni. Ebbene, possiamo dire che sicuramente gli avvocati (di Anek soprattutto), non si sono per nulla risparmiati (e va detto che lo avrebbero potuto anche fare con maggior stima e rispetto per le vittime, come ad esempio fece Costa Crociere nel processo sul naufragio della Concordia, che sollevò eccezioni formali solo contro gli enti e associazioni ma non anche sulla costituzione di parte civile dei passeggeri), ma al contrario hanno ancora una volta (come già nel giudizio civile) hanno messo in campo ogni possibile ed immaginabile questione processuale, vincolo di normativa nazionale, comunitaria e di capziosa eccezione per tentare d’impedire  ad ogni costo la richiesta delle vittime di partecipare al processo penale come parti a tutti gli effetti, e non solo come spettatori. Costituirsi parte civile, infatti, consente alla parte offesa da un reato, oltre ad avanzare al giudice una richiesta di risarcimento del danno da essi subito in relazione a tali condotte, di svolgere anche un’importante ruolo di accusa privata al fianco di quella pubblica esercitata dal pubblico ministero, nella comune ricerca di verità e giustizia attraverso la condanna di tutti i responsabili del disastro. Inutile dire che l’esercito di avvocati degli imputati avrebbero preferito farsi il processo senza la nostra scomoda presenza in aula, e già le prime accese polemiche si sono avute in aula tra avvocati, in un evidente nervosismo per via della gravità delle accuse, da una parte, e della delicatezza delle posizioni e dei valori risarcitori richiesti per conto dei clienti, dall’altra.

Nelle loro memorie e successiva discussione in aula, i difensori dell’armatore greco, ma non solo loro, hanno tentato di far valere nel processo penale le regole del Reg. (CE) 392/2009 il quale, come ormai sapete, prevede (art. 16, punto 3 convenzione di Atene) un termine preclusionale biennale, che ci ha indotti prudenzialmente ad avviare nel dicembre 2016 una causa civile a Bari, sostenendo dunque, in modo molto insidioso, che oggi non ci fosse possibile trasferire validamente l’azione risarcitoria dalla sede civile a quella penale per via di alcune presunte decadenze ed altri (pretesi) vizi maturati nel corso del processo civile. Nondimeno le difese degli imputati hanno sostenuto che la natura  e legittimità delle richieste non fosse adeguatamente dimostrata e documentata.

A tutte queste eccezioni abbiamo analiticamente ed estesamente risposto, sia attraverso una memoria scritta che con le repliche in aula, rimarcando che l’art. 74 c.p.p. non prevede alcuna eccezione e limite civilistico al principio secondo cui l’azione per ottenersi il risarcimento del danno (e le restituzioni) causato dal reato possa esercitarsi in sede processuale penale. Ad esito di questo scambio di discussioni in aula, il giudice si è ritirato in camera di consiglio per deliberare la sua decisione su tutti questi punti preliminari.

Il risultato è, come anticipato, di pieno e totale accoglimento delle nostre ragioni da parte del tribunale, con il rigetto di ogni eccezione degli imputati ed ammissione di tutte le parti civili senza alcuna riserva.

Una prima dimostrazione di forza che ci ha visto superare in modo totale e decisivo le difese tecniche e strumentali degli accusati.

In questo frangente il Giudice ha dimostrato grande sensibilità per le vittime, con un articolato ed approfondito provvedimento, inconsueto per questa fase processuale, mediante il quale ha affrontato e smontato ogni minima piega delle molte questioni sollevate dalle nostre controparti, non lasciandosi minimamente influenzare dalle eccezioni strumentali, altisonanti ma al tempo stesso fumose ed inconsistenti.

Adesso il GUP ha rinviato l’udienza preliminare al 29, 30 e 31 ottobre per consentirci la chiamata dei responsabili civili, ossia di convocare le società che dovranno garantire il pagamento dei risarcimenti dei danni che verranno liquidati alle vittime come conseguenza della condanna degli imputati, ed entrare quindi nel vivo del processo penale, con un calendario di udienze finalmente serrato e ad oltranza, ad esito del quale si dovrà arrivare alla conferma sul rinvio a giudizio degli attuali accusati (30 persone e 2 società) per i reati, contestati a vario titolo, di cooperazione colposa in naufragio, omicidio colposo e lesioni colpose plurime oltre a numerose violazioni sulla sicurezza ed al codice della navigazione. Non ci aspettiamo grandi sorprese sul tema dei riti alternativi ma siamo pronti ad affrontare anche tali eventuali strategie difensive.

Il GUP dott. Agnino si è riservato ancora la decisione sul nuovo sequestro del relitto chiesto da parti civili e Procura, che è ancora ormeggiato nel porto di Bari dal febbraio 2015 ed è stato dissequestrato pochi giorni prima dell’udienza preliminare.


LEGGI L’ORDINANZA COMPLETA DEL GUP (read the Judge verdict)

ammissione delle parti civili nel processo
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...