Archivi tag: sequestro anek lines

LA SENTENZA CONCORDIA STABILISCE DIRITTI ANCHE PER I PASSEGGERI DEL NORMAN ATLANTIC

+++TAGLIO+++ GROSSETO: COSTA  CONCORDIA  TRIALIl nostro pool di legali che ha seguito il processo Concordia, ottiene la liquidazione più alta dei danni tra i passeggeri – senza infortuni fisici – della nave affondata all’isola del Giglio: il Tribunale di Grosseto in SOLO DUE ANNI DI PROCESSO, condanna a 16 anni di carcere il comandante Francesco Schettino e condanna Costa Crociere a pagare un risarcimento ai passeggeri che si erano costituiti come parti civili nel processo penale.

Liquidazione base di € 30.000,00, ma, SOLO PER I NOSTRI CLIENTI, i risarcimenti salgono fino a 50.000,00 euro a testa, circa il quintuplo della offerta originaria, dimostrando la qualità del nostro impegno e la convenienza di agire per danni nel processo penale.

Altri studi legali parlano di possibilità, noi facciamo i fatti ed abbiamo fatto la differenza. NESSUNO degli altri studi legali greci od internazionali ERA NEL PROCESSO PENALE CONCORDIA ed ha ottenuto risarcimenti come noi per questo caso. Nessuno. Hanno tutti chiuso le posizioni dei loro clienti con accordi molto inferiori.

IMG_6833E si tratta solo di un acconto provvisionale, soggetto a liquidazione definitiva in un giudizio civile dove poter dimostrare la presenza di danni ulteriori ottenendo la condanna a pagamento finale, come richiesto, di 150/300mila euro per ogni passeggero, in base alla diversa percentuale di danno biologico dimostrato da ognuno secondo le consulenze mediche dei nostri esperti.

  • Riconosciuto il diritto al risarcimento per danno subito per PTSD (post traumatic stress disorder) ai nostri assistiti, anche in assenza di particolari terapie farmacologiche e certificazioni mediche.
  • Riconosciuto il diritto al rimborso dei danni per la perdita di beni personali a bordo della nave
  • Riconosciuto il diritto al rimborso delle spese legali

IMG_6674Inutile sottolineare, al riguardo, che le aspettative di risarcimento dei passeggeri del Norman Atlantic sono oggettivamente e grandemente più alte di quelli della Costa Concordia, poichè la loro esperienza è stata, salvo rari casi, drammaticamente più intensa, sia da un punto di vista di stress psicologico e fisico, sia per la durata della esperienza catastrofica, durata fino a 72 ore in confronto alle poche ore in cui si è verificato il naufragio della Costa Concordia

In molti casi la perdita di beni di proprietà personale è stata infinitamente più alta, poichè non si trattava di una nave da crociera ma di un traghetto, dove le persone viaggiavano con le loro auto piene di tutti i loro oggetti e beni, e i molti autocarri trasportavano i loro preziosi carichi e anche gli spedizionieri hanno perso merce di enorme valore

Per i passeggeri del #NormanAtlantic, quindi, è urgente prendere parte da subito ai procedimenti penali in corso a Bari, e imparare dalla esperienza di altri: non commettete lo stesso errore di molti passeggeri della Concordia, che accettarono la proposta iniziale (11.00,00 euro) oppure sono rimasti tagliati fuori dal processo penale quando hanno deciso di seguire le associazioni consumatori o gli studi legali internazionali che li hanno illusi su risarcimenti milionari attraverso la class action o cause civili che ancora attendono una fine e non raggiungeranno mai questi livelli.

Attraverso la sentenza Concordia possiamo fare le seguenti considerazioni:

  • abbiamo ottenuto il riconoscimento del diritto dei passeggeri al risarcimento per PTSD da naufragio e non solo ai danni fisici
  • abbiamo messo in campo la richiesta di danni punitivi
  • abbiamo dimostrato che le offerte formulate dalle compagnie secondo i loro criteri (accordo con associazioni consumatori) sono inaccettabili, e sono stati condannati fino al quintuplo della offerta prendere o lasciare che venne formulata
  • abbiamo dimostrato alle compagnie assicurative che il processo penale non è un calvario infinito ed in solo due anni siamo arrivati alla condanna a pagare fino a 50mila euro come acconto provvisionale
  • abbiamo a che fare con la stessa compagnia assicurativa (P&I) della Costa Crociere e quindi le trattative terranno conto dei risultati che abbiamo ottenuto e di chi siamo
  • questa somma (50mila euro) sarà quindi, per il nostro pool che l’ha ottenuta come risultato provvisionale, il parametro iniziale per il risarcimento dei passeggeri del Norman Atlantic.

CONTATTATECI URGENTEMENTE PER INFORMAZIONI SULLE NOSTRE INIZIATIVE E CONDIZIONI 

Annunci

Mr. Metaxopoulos to Eleftheros Typos: “It is better for the Greek victims to address Italian Lawyers with their case”.

Interview given by our partner in Athens Mr. Metaxopoulos to a major, widely distributed Greek newspaper (Eleftheros Typos).

“It is better for the Greek victims to address Italian Lawyers / to approach Italian Lawyers with their case”.

KET_2501_030_CMYK

KET_2501_031_CMYK

CLICK TO DOWNLOAD THE ARTICLE

NORMAN ATLANTIC: GLI AVVOCATI DEL POOL GIUSTIZIA PER LA CONCORDIA DENUNCIANO LA FALSIFICAZIONE DELLA LISTA PASSEGGERI E CHIEDONO IL SEQUESTRO DEI BENI CONTRO ANEK LINES E VISEMAR.

IMG_6537COMUNICATO STAMPA ANSA 08.01.2014: Falsificazione dei documenti di bordo, per motivi di risparmio sui costi, alla base del motivo per il quale a distanza di ben 11 giorni dall’incendio del traghetto Norman Atlantic ancora non si riesce ad avere una lista passeggeri definitiva, impedendo di conoscere l’esatto numero di dispersi tra i passeggeri, oltre ai clandestini.

Con il decreto 13.06.1986 del Ministero della Sanità è fatto obbligo a tutte le navi da crociera e navi traghetto abilitate al trasporto di 500 o più passeggeri, di assicurare la presenza di un medico a bordo. In base ad una circolare del Ministero dei Trasporti (14.07.2011), esiste però una possibile deroga nel caso in cui si imbarchino fino a 499 persone, con un notevole risparmio economico per la compagnia di navigazione.

Questo il possibile motivo per cui la lista passeggeri del traghetto andato in fiamme sarebbe proprio di 499 persone ed i conti delle presenze a bordo non tornano.

Per tale ragione gli avvocati Cesare Bulgeroni, Alessandra Guarini e Massimiliano Gabrielli, noti per il processo Concordia, stanno presentando, per conto di un gruppo di passeggeri del Norman Atlantic, una serie di denunce ex art. 432 c.p. per falsificazione dei documenti di bordo, ed hanno chiesto alla Procura di Bari di sottoporre a sequestro immediato tutti i beni in Italia della società greca Anek Lines e della compagnia armatrice Visemar, anche a garanzia dei futuri risarcimenti in favore dei passeggeri.

PER INFORMAZIONI SU COME PARTECIPARE ALLA ISTANZA DI SEQUESTRO GRATUITAMENTE

  • Hot line    +39 340 2602504   –   +39 06 39741015
  • info@agenzialegale.net
  • Fiumicino  (operative office) 06 89019172
  • Roma          (Avv. Massimiliano Gabrielli)
  • Milano       (Avv. Cesare Bulgheroni)
  • Biella         (Avv. Alessandra Guarini)
  • Bari            (Domenico Chirulli)