Archivi tag: falsificazione documenti

I sopravvissuti del #NormanAtlantic su ALIVE – Rete4 Mediaset

Vincenzo-Venuto-3_thumbLa redazione del programma ALIVE – Storie di sopravvissuti, in onda SU RETE4 da aprile 2015, giunto alla sua terza edizione, condotto da Vincenzo Venuto e che si occupa di fatti di cronaca e storie di persone che sono sopravvissute a eventi ordinari o straordinari, come incidenti, catastrofi naturali o situazioni di grave pericolo, ci ha contattato perché dedicherà una puntata al caso del traghetto Norman Atlantic.

Sarà un reportage serio ed approfondito, che prevede la testimonianza del sopravvissuto (o dei sopravvissuti), dei familiari o dei testimoni presenti all’evento, dedicando grande attenzione alle operazioni di salvataggio ed alle esperienze umane vissute da chi è rimasto intrappolato a bordo della nave in fiamme. L’intervista avverrà attraverso una registrazione con una troupe che vi potrà raggiungere o attraverso il rimborso delle spese e trasferta a Roma.

I PASSEGGERI CHE SIANO INTERESSATI A PARTECIPARE AL REPORTAGE POSSONO CONTATTARCI PER ESSERE INSERITI NELLA LISTA DI POSSIBILI INTERVISTE CHE STIAMO FORNENDO ALLA REDAZIONE

Annunci

container[1]

On the wreck of the Norman Atlantic were tamed the last active outbreaks and firefighters attempted a quick searching of the decks 1 and 2, where are the lower garage and remained there for a few minutes because of the intense smoke so it will be necessary perform inspections more detailed; Incredibly, and against all odds, the parked vehicles seems to be virtually intact or damage would be limited, so it is likely that at the dawn of December 28, the fire is originated elsewhere, in one of the upper levels (decks 3-4), and then we talk of a possible overload current to power, with the power of the ship, the refrigerated truck; no bodies were found.

For this it is assumed that might be recovered some parto fo transportations and means of transport and/or private cars, with perhaps – if not destroyed or ruined by extremely intense smokepart of their contents.

On board of the Norman Atlantic ship, in addition to a number of passengers – still undefined, were present a lot of other means, cargo, freights, trucks transporting goods, vegetables and containers which carried any various materials.

Damage caused to vehicles and goods carried: If you are a shipping company, a freight forwarder, a carrier or just a company that is been damaged in any means by embarking his shipment aboard the NormanAtlantic ferry, we will handle the complete case, for a possible recovery (as for today, it looks like vehicles at garage bridges 1 and 2 are incredibly intact!), and for full and fair compensation by Anek Lines as operator, Visemar as ship’s owner, or by their civil liables, the insurance companies.


 

norman-atlantic-sportellone[1]Sul relitto della Norman Atlantic sono stati domati gli ultimi focolai attivi e i vigili del fuoco hanno tentato una rapida perlustrazione dei ponti 1 e 2, dove si trovano i garage più bassi rimanendoci per pochi minuti a causa del fumo molto intenso per cui sarà necessario compiere ispezioni più approfondite; Incredibilmente, e contro ogni aspettativa, i mezzi parcheggiati sarebbero praticamente intatti od i danni sarebbero limitati, quindi è probabile che all’alba del 28 dicembre l’incendio sia scaturito altrove, in uno dei livelli superiori (ponti 3-4) e si torna a parlare di un possibile sovraccarico di corrente per alimentare, con la corrente della nave, i camion frigorifero; non sono stati rinvenuti corpi.

Per questo si ipotizza che possano essere recuperate una parte dei trasporti e dei mezzi, di trasporto e/o auto private, con ancora forse non distrutto o rovinato dal fumo intensissimo una parte del loro contenuto.

A bordo della nave Norman Atlantic, oltre a un certo numero di passeggeri ancora non definito, erano presenti molti altri mezzi, merci, carichi, camion che trasportano merci, ortaggi e container che portavano qualsiasi materiali vari. In merito ai danni causati ai veicoli e alle merci trasportate: Se siete una compagnia di trasporto, uno spedizioniere, un vettore o una società che è stata danneggiata in qualsiasi modo dall’imbarco della sua spedizione a bordo del traghetto NormanAtlantic, noi ci occupiamo del caso completo, per un possibile recupero (proprio oggi sembra che i veicoli a ponti garage 1 e 2 sono incredibilmente intatti!), e per il risarcimento completo ed equo da Anek Lines in qualità di operatore, Visemar come proprietario della nave, o dai loro responsabili civili, le compagnie di assicurazione .

NORMAN ATLANTIC: GLI AVVOCATI DEL POOL GIUSTIZIA PER LA CONCORDIA DENUNCIANO LA FALSIFICAZIONE DELLA LISTA PASSEGGERI E CHIEDONO IL SEQUESTRO DEI BENI CONTRO ANEK LINES E VISEMAR.

IMG_6537COMUNICATO STAMPA ANSA 08.01.2014: Falsificazione dei documenti di bordo, per motivi di risparmio sui costi, alla base del motivo per il quale a distanza di ben 11 giorni dall’incendio del traghetto Norman Atlantic ancora non si riesce ad avere una lista passeggeri definitiva, impedendo di conoscere l’esatto numero di dispersi tra i passeggeri, oltre ai clandestini.

Con il decreto 13.06.1986 del Ministero della Sanità è fatto obbligo a tutte le navi da crociera e navi traghetto abilitate al trasporto di 500 o più passeggeri, di assicurare la presenza di un medico a bordo. In base ad una circolare del Ministero dei Trasporti (14.07.2011), esiste però una possibile deroga nel caso in cui si imbarchino fino a 499 persone, con un notevole risparmio economico per la compagnia di navigazione.

Questo il possibile motivo per cui la lista passeggeri del traghetto andato in fiamme sarebbe proprio di 499 persone ed i conti delle presenze a bordo non tornano.

Per tale ragione gli avvocati Cesare Bulgeroni, Alessandra Guarini e Massimiliano Gabrielli, noti per il processo Concordia, stanno presentando, per conto di un gruppo di passeggeri del Norman Atlantic, una serie di denunce ex art. 432 c.p. per falsificazione dei documenti di bordo, ed hanno chiesto alla Procura di Bari di sottoporre a sequestro immediato tutti i beni in Italia della società greca Anek Lines e della compagnia armatrice Visemar, anche a garanzia dei futuri risarcimenti in favore dei passeggeri.

PER INFORMAZIONI SU COME PARTECIPARE ALLA ISTANZA DI SEQUESTRO GRATUITAMENTE

  • Hot line    +39 340 2602504   –   +39 06 39741015
  • info@agenzialegale.net
  • Fiumicino  (operative office) 06 89019172
  • Roma          (Avv. Massimiliano Gabrielli)
  • Milano       (Avv. Cesare Bulgheroni)
  • Biella         (Avv. Alessandra Guarini)
  • Bari            (Domenico Chirulli)